Delfino Pescara. Ganci a PrimaDaNoi.it: «domenica in campo per vincere»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5950

PESCARA. Il Pescara ha ripreso gli allenamenti ieri in vista del ritorno play-off di domenica all'Adriatico contro la Reggiana. Erano tutti a disposizione del mister Di Francesco, assente nella prima parte perché a Coverciano. Hanno lavorato a parte i soli D'Alterio ed Inglese
Lo 0-0 della gara d'andata non lascia tranquilli i biancazzurri che avranno comunque a disposizione 2 risultati su 3. Un fatto non di poco conto visto e considerato il momento poco felice di forma della Reggiana, indietro a livello fisico e costretta a rinunciare a diversi elementi importanti della rosa per infortunio.
Esaurita non senza problemi la fase di prelazione, con diversi abbonati costretti a rinunciare al proprio posto numerato occupato durante tutto il campionato, da oggi i restanti tagliandi verranno messi in vendita sul circuito Ticket One. L'incontro con gli emiliani verrà in ogni caso trasmesso in diretta sul digitale Rai.
In ottica finale la partita con la Reggiana ha confermato il grande divario tecnico e soprattutto di tenuta fisica esistente tra le due squadre: «siamo stati bravi noi nel primo tempo a chiudere ogni varco» – racconta a PrimaDaNoi.it Massimo Ganci – «ricordo soltanto una conclusione insidiosa di Saverino poi nulla. Però dobbiamo essere attenti perché prendere un gol poi è sempre difficile ribaltare. Domenica scenderemo in campo con tutt'altro piglio. Vogliamo vincere anche se ci basta il pareggio. Li abbiamo un po' aspettati ma in casa nostra sarà un'altra partita».
«Non siamo capaci di fare una partita d'attesa» – prosegue l'attaccante biancazzurro – «dobbiamo andarli a prendere anche perché in questo modo correremmo meno rischi. La Reggiana sicuramente oserà qualcosa di più perché dovranno vincere a tutti i costi e di conseguenza fare la partita. Se scendiamo in campo con il piglio giusto sono convinto che non c'è partita».
Al momento della sostituzione a 5 minuti dal termine del match Ganci ha imboccato contrariato la via degli spogliatoi: «no nessun problema. Sono cose che capitano quando tieni particolarmente ad una partita. Non sono mai contento di uscire, vorrei giocare sempre ma è pur vero che ci sono tanti ragazzi altrettanto bravi che sono in panchina o addirittura in tribuna. Bisogna rispettare tutte le scelte. In quel momento ero un po' contrariato ma ripeto nessun problema».
Nell'altra semifinale il Verona ha ipotecato il passaggio del turno espugnando il campo del Rimini per 1-0: «non mi interessa l'altra partita. Guardiamo soltanto in casa nostra, quando saremo in finale vedremo quale sarà il nostro avversario. Per noi Rimini o Verona cambia poco».
«Il Verona è in forma ed il cambio di allenatore ha sicuramente giovato loro» – conclude l'attaccante pescarese – «anche perché nell'andata play-off Vavassori ha utilizzato parecchi giocatori poco impiegati durante il campionato. Anche per questo forse il Verona è più brillante rispetto le ultime giornate di campionato».

Andrea Sacchini 26/05/2010 10.32