Pescara. Sansovini a PrimaDaNoi.it: «c'è la giusta concentrazione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4995



PESCARA. Cattive notizie per i sostenitori biancazzurri. Come temuto alla vigilia quasi certamente non verranno messi in vendita ulteriori tagliandi di settore ospiti per la partita di domenica a Reggio Emilia. L'incontro tra i rappresentanti della Reggiana calcio ed il questore della città emiliana, infatti, ha dato esito negativo ed è stata negata la possibilità ai tifosi pescaresi di ricevere ulteriori 2.500 tagliandi per motivi di ordine pubblico.
Nel frattempo la squadra continuerà gli allenamenti questo pomeriggio allo stadio Adriatico. Ieri sono tornati a lavorare col gruppo sia Sembroni sia Petterini. Ha lavorato a parte Bonanni mentre dall'infermeria giungono notizie positive su Soddimo la cui ecografia non ha evidenziato nulla di particolare.
«Siamo in salute e pronti per questi play-off» – racconta Marco Sansovini a PrimaDaNoi.it – «c'è entusiasmo da parte nostra e dei tifosi. La pressione si sente è normale e siamo concentrati al punto giusto. Rimaniamo con i piedi per terra perché i play-off sono un campionato a parte e vanno affrontati col massimo impegno».
«Per quanto mi riguarda ora va molto meglio» – prosegue il bomber biancazzurro – «sto recuperando, non sento più male e la gamba è libera. Sono prontissimo a dare il mio contributo in questa parte finale di stagione».
Due i momenti da dimenticare in questa stagione: «l'ultima giornata è stata sicuramente molto deludente perché ad un certo punto credevamo veramente alla serie B diretta, poi al 90esimo sappiamo tutti quello che è successo. Il momento più brutto invece è coinciso con la sconfitta interna col Portogruaro con la contestazione dei tifosi. Per noi è stato un brutto periodo nel quale non riuscivamo a fare punti e non ci riuscivano neanche le cose più semplici. Piano piano con il grande lavoro siamo usciti fuori».
«Di Francesco da questo punto di vista ha giocato un ruolo importante» – prosegue Sansovini – «quando arriva un nuovo allenatore c'è sempre una scossa. Entusiasmo nuovo e diverse soluzioni di gioco anche se da calciatore non sono il più qualificato per rispondere a questa domanda».
Ultime parole dedicate al suo futuro: «nell'eventualità di serie B o C io non mi muovo da Pescara. Ho fatto tanto per riconquistare questa maglia e non ho alcuna intenzione di lasciarla».

Andrea Sacchini 20/05/2010 9.52