Delfino Pescara. Di Francesco: «non voglio vedere musi lunghi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7291



PESCARA. Atmosfera serena ieri in casa Pescara alla ripresa degli allenamenti. Nel gruppo c'è il giusto clima di concentrazione che precede i grandi eventi, per i biancazzurri proprio il match di domenica 23 maggio al Giglio con la Reggiana. C'è ancora un po' di amaro in bocca per l'epilogo del campionato, che aveva visto i pescaresi promossi in B sino a 5 minuti dal termine del match tra Verona e Portogruaro: «sapevamo che non tutto sarebbe dipeso da noi – racconta Eusebio Di Francesco – «ma il Pescara ha fatto tutto quello che poteva fare. Abbiamo giocato una grande gara e una volta rivisto il match del Bentegodi sono convinto che quella partita senza un episodio clamoroso non si sarebbe mai sbloccata. Entrambe avevano ormai dato tutto.
«Faccio in ogni caso i complimenti al Portogruaro» – va avanti il tecnico biancazzurro – «loro hanno gioito noi abbiamo pianto, ma è il bello ed il brutto del calcio questo. Il grande rammarico è che ad un certo punto ci avevamo creduto sul serio, poi tutto è cambiato al 90esimo. Dobbiamo essere bravi ora a mantenere alta la concentrazione e l'attenzione».
Al campo erano presenti tantissimi tifosi, segno che Pescara certamente risponderà presente in massa nei play-off per spingere la squadra in serie B: «è molto positivo lavorare con questa atmosfera e questo entusiasmo. I tifosi sono importantissimi e sono convinto che ci daranno una mano importante per lasciare questa categoria».
Per ben figurare nei play-off serve grande concentrazione, volontà ed un pizzico di fortuna. In ogni caso certamente non è di secondo piano il fattore fisico: «dobbiamo mantenere l'attuale ottica condizione fisica e nello stesso tempo a livello psicologico bisogna lavorare bene. Già dopo la partita ho detto ai ragazzi che non voglio vedere musi lunghi o gente scoraggiata. Da seconda siamo favoriti e dobbiamo essere bravi a gestire questo piccolo vantaggio a nostro favore».
Conclusione dedicata ovviamente alla Reggiana: «loro sono una squadra molto tecnica che gioca bene e lascia giocare. Noi a differenza di altre situazioni avremo le altre squadre che faranno la partita e noi dobbiamo essere bravi a gestire determinate situazioni».
«Entrare in campo per lo 0-0 sarebbe però un grandissimo errore» – conclude Di Francesco – «e sicuramente la Reggiana che incontreremo non sarà quella che abbiamo incontrato e superato 3-0 all'Adriatico poche settimane fa».

NOTIZIARIO

Ripresa degli allenamenti ieri per il Pescara. Si è allenato col gruppo Verratti, che potrebbe essere convocato per l'andata della semifinale play-off con la Reggiana. Da valutare Sansovini, sul quale comunque lo staff medico biancazzurro nutre un cauto ottimismo per il suo recupero. Out sicuramente Bonanni, Inglese e D'Alterio. Oggi allenamento pomeridiano al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo, mentre per il fine settimana non verrà fissata nessuna amichevole ufficiale.
Infine da lunedì saranno in vendita, al costo unitario di 12 euro, i tagliandi di settore ospiti per la partita di Reggio Emilia. Per ora sono circa 2.500.

Andrea Sacchini 13/05/2010 10.47