Delfino Pescara. Nessun arrivo nell'ultimo giorno di mercato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3497



PESCARA. Nessuna operazione in entrata ed in uscita per il Pescara nell'ultimo giorno del calciomercato invernale.
Difficile dunque giudicare l'operato del Dg Lucchesi e dai suoi collaboratori. Nelle ultime ore di ieri sono sfumati nell'ordine Biso e Paonessa, entrambi per mere ragioni economiche.
Il sodalizio biancazzurro infatti, prima di acquistare nuovi elementi, avrebbe dovuto privarsi di almeno un paio di giocatori in esubero presenti in rosa. Da questo punto di vista sono risultati decisivi i rifiuti di Romito e Medda di trasferirsi rispettivamente a Benevento ed Alghero. Vista l'impossibilità di cedere Tognozzi e di arrivare a Biso, che non ha assolutamente accettato una riduzione dello stipendio per scendere di categoria, alla fine anche Dettori è stato tolto dal mercato.
Rimangono in biancazzurro anche Prisco e Zappacosta.
Dopo i grandi investimenti in estate, quindi, il Pescara ha scelto la strada dell'oculatezza, puntando tutto su di un gruppo sulla carta perfettamente attrezzato per il salto di categoria.
Il mercato invernale ha modificato di poco gli equilibri del girone anche se il Verona, con gli ingaggi su tutti di Dalla Bona e Di Gennaro, ha indubbiamente innalzato il proprio livello tecnico.
Per quanto riguarda il Pescara è difficile dare un giudizio complessivo sulle operazioni condotte. Sono partiti Artistico e Matarazzo per far posto a Soddimo ed al terzino destro D'Alterio, entrambi i giocatori ideali per il nuovo 4-2-3-1 del neo-tecnico Di Francesco.

EUSEBIO DI FRANCESCO

Il Pescara è reduce dal successo ottenuto due giorni fa nel derby contro il Giulianova: «dobbiamo essere più veloci e migliorare la fase di palleggio» – racconta Eusebio Di Francesco – «anche se era difficile trovare spazi in una partita difficile come quella col Giulianova. Obiettivamente soltanto la giocata di un singolo avrebbe potuto cambiare gli equilibri. Abbiamo fatto un'ottima fase difensiva. Dobbiamo soltanto essere un po' più alti nel baricentro».
Ieri si è chiuso il mercato: «per fortuna. Il mercato non aiuta nel lavorare e nel far lavorare la squadra in una certa maniera. Ora sicuramente saremo più sereni per il proseguo del torneo».

Andrea Sacchini 02/02/2010 11.29