Volley. Il Pineto va a Taranto

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4486




PINETO. Il campionato arriva alla quinta giornata di ritorno, che si apre oggi con l'anticipo in chiave salvezza tra Latina e Forlì, e che proseguirà domani con le restanti gare in programma.
L'Aran Cucine Abruzzo Pineto sarà impegnata in trasferta (la prima del nuovo anno per i gialloblù pinetesi) a Taranto, contro la Prisma, con fischio d'inizio alle ore 18.
La compagine pugliese, che ha sostituito a fine dicembre l'ex allenatore di Pineto Paolo Montagnani con Roberto Serniotti, naviga nelle zone centrali della classifica, a quota 20, al riparo dalla lotta per la salvezza e a 5 punti dall'ultimo posto disponibile per i playoff (attualmente occupato da Verona con 25 punti). E proprio contro gli scaligeri, la Prisma ha rimediato una sconfitta al tie break nell'ultima giornata di campionato; nel turno precedente, però, i pugliesi hanno espugnato il PalaFiera di Forlì.
Ulteriore motivo d'interesse, la presenza in casa Prisma degli ex Rivaldo e Cleber, tra i protagonisti della cavalcata salvezza di Pineto dello scorso anno.
Il momento in casa Pineto è indubbiamente difficile, con la sconfitta contro Forlì che ha lasciato strascichi, specie a livello psicologico. A questo bisogna aggiungere la condizione approssimativa di alcuni dei componenti della rosa: il centrale Ravellino è costretto a convivere coi soliti problemi alla spalla che lo hanno già costretto a dare forfait contro Forlì; il libero in seconda Armeti è ancora out; il palleggiatore Modica, tornato ad allenarsi col gruppo solo dalla scorsa settimana, non è ancora al 100% e sono da verificare le condizioni dello schiacciatore Perez Moreno, alle prese con qualche acciacco. Partiranno tutti nel pomeriggio di oggi alla volta del capoluogo pugliese, ma coach Fant deciderà all'ultimo il sestetto base da mandare in campo.
Il centrale pescarese Emanuele Sborgia, sempre tra i più positivi in questa stagione dice:«dopo Forlì l'umore non è dei migliori: abbiamo pagato troppo la pressione di vincere a tutti i costi e si è visto, purtroppo, come è andata.
Non è stata dunque una settimana facile, anche con acciacchi vari. In questo contesto la partita con Taranto appare proibitiva, tenuto conto che incontreremo una squadra che ha finora raccolta meno del suo effettivo valore.
Abbiamo però il dovere di onorare fino in fondo il nostro campionato e dunque cercheremo di fare al meglio la nostra parte».

09/01/2010 14.14