Delfino Pescara. Il Dg Lucchesi: «una mezza battuta d'arresto ci può stare»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3933



PESCARA. Riprenderanno questo pomeriggio gli allenamenti del Pescara in vista del prossimo impegno esterno di domenica a Cosenza. Nell'ultimo turno di campionato i biancazzurri, autori di un'ottima gara per più di un'ora, sono stati costretti al pareggio interno contro un Taranto poco spettacolare ma cinico.
Il punto ad ogni modo non ha minimamente sfigurato la classifica, che vede il Pescara ancora primo in compagnia del Verona.
Il campionato è ancora lungo come ripete da settimane il DG biancazzurro Fabrizio Lucchesi: «i veri valori del torneo si vedranno a fine inverno. Questo è un campionato difficilissimo e lo sarà fino alla fine. Noi dobbiamo avere la forza e la capacità di restare equilibrati. Ci può stare una mezza battuta di arresto. L'importante è continuare a fare queste buone prestazioni».
«riguardo la partita col Taranto» – prosegue Lucchesi – «l'analisi va fatta partendo dall'inizio. Noi abbiamo fatto la gara per oltre un'ora, con un atteggiamento nostro tra i migliori dell'anno. Questo tenendo conto che il Taranto è un avversario di grande valore. Non siamo stati bravi nel realizzare 2 gol però ai punti avremmo vinto. Il Taranto è stato bravo a capitalizzare l'unica occasione da gol, difendendo con esperienza, fisicità e qualità il punto che per loro era importante».
Dopo una buona ora di gioco però il calo sia fisico sia mentale: «è normale che dopo un'ora ci sia un calo fisico. Noi abbiamo speso moltissimo nella prima parte della gara. È ovvio che nel momento nel quale abbiamo respirato ci siamo trovati di fronte un buon avversario che ha messo in campo tutte le proprie qualità. Nella parte finale della gara anche con i cambi abbiamo dato il messaggio chiaro che volevamo vincere. Non ci siamo riusciti per sfortuna e per la bravura degli avversari».
«Per il futuro abbiamo passato il periodo dei primi giorni di allenamento» – conclude Fabrizio Lucchesi – «ora sono 3-4 mesi che lavoriamo insieme. Non siamo ancora a pieno regime ma lentamente ci stiamo arrivando. Siamo fiduciosi della rosa che abbiamo in vista dell'inverno considerando, lo ripeto, che in campo vanno anche gli avversari che sono di valore».

Andrea Sacchini 03/11/2009 11.16