Sparacio a PrimaDaNoi.it: «3 punti targati L'Aquila non Sparacio...»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4235



L'AQUILA. Ripresa degli allenamenti ieri pomeriggio per L'Aquila che si è ritrovata sul campo di Colleatterrato in provincia di Teramo per preparare la prossima partita col Real Montecchio. Atmosfera serena e rilassata ovviamente dopo il convincente successo ottenuto sul campo del Miglianico. Dopo cinque partite consecutive, però, è caduta l'imbattibilità della porta aquilana. In ogni caso, fatto più rilevante, la squadra è stata capace con merito di conquistare i 3 punti.
Il successo ha portato sugli scudi Antonino Sparacio, a lungo fermo per infortunio, che con una doppietta non ha certamente fatto rimpiangere l'indisponibile Colella.
Proprio alla ripresa dei lavori Sparacio era a riposo precauzionale per un fastidio muscolare rimediato al termine della gara col Miglianico.
Per il match col Real Montecchio, vista anche l'indisponibilità in attacco di Colella, si cercherà in tutti i modi di recuperare Sparacio: «ho fatto l'ecografia dalla quale è risultato che ho un'elongazione al muscolo e dovrei stare fermo una settimana. Questa settimana riprenderò a correre vediamo come va».
L'attaccante rossublù prima della doppietta rifilata al Miglianico aveva già segnato in stagione in Coppa Italia. I gol in campionato però, come conferma a PrimaDaNoi.it, hanno sempre un altro sapore: «si è vero sono contento per me e soprattutto per la squadra. Sono felice per aver contribuito alla vittoria col Miglianico di domenica».
Sparacio è tornato al gol dopo tanti mesi di digiuno a causa di un grave infortunio che lo ha tenuto lontano dai campi per oltre 7 mesi. La doppietta di domenica col Miglianico, grande rivincita sulla sfortuna, ha una dedica particolare: «sicuramente a Cristiano Colella (che dovrà star fermo almeno per un altro mese, ndr) perché so cosa significa stare fermi per infortunio. Lo aspettiamo presto, lui è importante per noi».
«Essere titolare è stata una grandissima emozione» – prosegue l'ex attaccante del Chieti – «mi è sembrato come tornare indietro. Ero molto motivato perché ci tenevo in modo particolare, è stato come scacciare via 10 mesi di arretrati negativi».
Col Miglianico 3 punti targati Sparacio anche se dietro c'è il lavoro di tutta la squadra: «più che altro parlerei di 3 punti targati L'Aquila. Ho fatto solo il mio dovere, due gol grazie alla squadra che ha creato molto. Abbiamo giocato una partita davvero molto buona come sempre fino ad ora».
«Col Miglianico» – racconta Sparacio – «mi è piaciuto molto il fatto che dopo il gol subito abbiamo giocato come avevamo cominciato ad inizio partita. Non ci siamo né disuniti né innervositi. Per la prima volta in campionato siamo andati sotto ed abbiamo reagito alla grande. In carriera mi è capitato di andare sotto ed è normale innervosirsi, perdere la calma e non riuscire più a dimostrare in campo la propria forza. Noi siamo stati bravi nel mantenere la calma e giocare come sappiamo e abbiamo sempre fatto».
In classifica L'Aquila, malgrado sia ancora imbattuta, occupa il terzo posto dietro a Santegidiese ed Atessa VdS, due compagini che non intendono proprio mollare: «loro marciano forte ma noi dal canto nostro stiamo facendo benissimo. A inizio anno nessuno credo si aspettasse che l'Aquila avesse una compattezza di squadra così forte. Fin'ora mai nessuna squadra incontrata ci ha messo sotto».
Domenica al Fattori arriva il Montecchio reduce dal successo casalingo per 1-0 ottenuto ai danni del Luco Canistro: «sarà una partita difficilissima anche perché la più grande difficoltà per noi sarà sbloccare il risultato».
«Loro verranno per difendersi» – conclude Sparacio – «e noi dovremo essere bravi a sfruttare ogni minimo spazio o errore dell'avversario».

Andrea Sacchini 14/10/2009 7.30