Pallacanestro Pescara. Presentato il nuovo coach Paolo Nardecchia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2724



PESCARA. La Pallacanestro Pescara ha ufficializzato ieri il nome dell'allenatore che guiderà la squadra nella prossima stagione. Si tratta del coach Paolo Nardecchia per il quale è già stato trovato l'accordo. Quarantacinquenne aquilano è stato allenatore nazionale ed è attualmente docente di pallacanestro alla facoltà di Scienze Motorie.
Nardecchia è stato allenatore de L'Aquila Basket seniores dal 1994 mentre ha iniziato la sua collaborazione col sodalizio aquilano fin dal 1985. Con la Pallacanestro Pescara quest'anno supererà la 400 panchine da professionista.
«Per me è stato un lungo cammino» – racconta soddisfatto Paolo Nardecchia – «durante il quale ho ricevuto tanto e penso con un pizzico di presunzione di aver lasciato qualcosa. Conosco Pescara per averla affrontata da avversaria e so che città e società hanno importanti tradizioni cestistiche. Per questo sono ancor più motivato nel far bene».
Per il neo tecnico dei pescaresi è difficile fissare obiettivi precisi a lunga scadenza: «sarebbe inutile fare paragoni con quello che è successo l'anno passato e su come si è svolta l'annata. È prematuro parlare di classifica, tra l'altro non mi piace neanche in quanto sul piazzamento influiscono tanti fattori esterni. Preferisco fissare programmi e darmi obiettivi da raggiungere dal punto di vista tecnico, tattico e mentale. La mia ambizione è quella di creare un gruppo unito e sereno che collabori e che vada nella stessa direzione».
A L'Aquila Nardecchia ha utilizzato molti giovani. La freschezza atletica è stata fondamentale nel gioco rapido e veloce della sua ex squadra. Potrebbe essere così anche a Pescara: «ogni allenatore ha un tipo di basket che predilige, ma penso che bisogna adattare le proprie idee ai giocatori che si hanno a disposizione. Mi piace praticare un gioco di energia, corsa, pressing che non attenda l'avversario. A L'Aquila è stato così ma a Pescara dobbiamo considerare i giocatori che abbiamo a disposizione. Se le caratteristiche degli stessi saranno simili è possibile riproporre lo stesso gioco anche con la Pallacanestro Pescara».
17/06/2009 9.52