Prima partita dopo sisma al 'Fattori' dell'Aquila

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1184



L'AQUILA. Prima partita allo stadio 'Fattori' dell'Aquila dopo il sisma del 6 aprile scorso.
La Sambenedettese, squadra di Prima divisione, ha affrontato una selezione mista di calciatori dell'Aquila, rinforzata da una delegazione della Confcommercio locale e da una rappresentanza di calciatori di Onna.
L'evento è stata dedicato al giornalista aquilano de "Il Messaggero", Alessandro Orsini, scomparso di recente.
In tribuna stampa, nel posto dove solitamente sedeva Orsini, è stata posta una corona di fiori ritirata poi dai 2 figli presenti per l'occasione e poi deposta al cimitero.
Una giornata all'insegna della solidarietà finalizzata alla raccolta di fondi in favore delle popolazioni terremotate; prima del calcio d'inizio, alla famiglia del giornalista aquilano è stata consegnata una targa dal vicedirettore della Confcommercio dell'Aquila, Lorenzo Santilli.
«Siamo contenti di aver partecipato a questa giornata - ha commentato il nuovo allenatore della Samb, Giorgio Rumignani - un appuntamento dal significato particolare per me che sono friulano e che ho vissuto l'esperienza del terremoto».
All'uscita dello stadio, le associazioni di Cupra Marittima, hanno allestito una cucina per offrire ai padroni di casa centinaia di piatti di penne con le vongole.
Gli aquilani hanno vestito una speciale casacca con la scritta "TerremoTosto"; 10 a 1 il risultato finale in favore dei marchigiani.
Durante la giornata sono stati raccolti 10.300€.
Allo stadio Tommaso Fattori erano pochi gli spettatori presenti, 200 circa, ma le offerte e i biglietti realmente venduti (nella sola giornata di ieri a San Benedetto del Tronto e dintorni ne sono stati venduti oltre 300) hanno permesso la raccolta di tale somma.

25/05/2009 9.09