2°Div/B. Giulianova e Celano domani in campo per l'ultima giornata

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

843



GIULIANOVA. Tutto pronto in casa Giulianova per l'ultima giornata del campionato regolare. Al Fadini, calcio di inizio fissato per le 15.00, arriva il Rovigo, formazione ultima della classe ma non ancora matematicamente retrocessa nei Dilettanti.
I giuliesi, da diverse settimane, sono già sicuri della partecipazione ai play-off promozione che partiranno domenica 31 maggio. Ciò nonostante tre punti con il Rovigo risultano essere fondamentali per ottenere il miglior piazzamento possibile nella griglia play-off. Abbandonate o quasi le velleità di secondo posto, il Bellaria in casa dovrebbe vincere col Viareggio, resta comunque da difendere la terza piazza. Quest'ultima consentirebbe il passaggio alla finale play-off anche con due pareggi o addirittura con una sconfitta (non valgono doppio le reti segnate fuori casa, ndr). Il quarto posto è occupato al momento dal Prato distante una sola lunghezza dagli abruzzesi.
Nella gara con il Rovigo l'unico dubbio per Bitetto è legato all'allestimento del pacchetto arretrato. Ogliari, infatti, è stato squalificato e verrà rimpiazzato da Ciminà. Pienamente recuperato Sosi che dovrebbe partire dall'inizio.
Per il resto conferma all'oramai collaudato 4-3-3 con Mancini tra i pali. Linea difensiva a quattro con Garaffoni, Vinetot, Sosi e Ciminà. Trio di centrocampo formato da Croce, Pucello e D'Aniello. In avanti spazio al tridente Lisi-Improta-D'Antoni.
Non è escluso però l'utilizzo di un massiccio turnover che coinvolgerebbe gli elementi sotto diffida, ben cinque. Si tratta del portiere Mancini, dei difensori Garaffoni e Vinetot, e gli attaccanti Umberto Improta e Lisi. Massima attenzione dunque, in vista dei play-off, ad eventuali cartellini gialli.
Nel Rovigo mancherà lo squalificato Shakpoke. Curioso l'incrocio Giulianova-Rovigo con Bellaria-Viareggio. Fermo restando un successo, gli abruzzesi infatti auspicano i tre punti del Bellaria per raggiungere la seconda piazza, al contrario i rodigini sperano nell'affermazione viareggina per poter evitare l'ultimo posto in classifica.
Giulianova-Rovigo verrà diretta da Marco Ferraioli di Nocera Inferiore. Guardalinee Cursio e Della Rocca.

CELANO. Domani il Celano scende in campo per l'ultima fatica della stagione. Al Piccone, ore 15.00, passerella finale per gli uomini di Modica che ospiteranno la Colligiana. I biancazzurri, matematicamente salvi in virtù del vantaggio negli scontri diretti col Cuoiopelli, hanno tre punti di margine sulla quintultima. Il Celano, comunque sia, è alla ricerca di un risultato positivo anche per congedarsi degnamente dal suo pubblico.
Quello che si appresta a concludersi è stato un campionato tra luci ed ombre per i celanesi. Dopo un fantastico girone di andata il Celano è crollato nel ritorno. I rimpianti per non aver battagliato fino in fondo per la zona play-off sono tanti ma c'è la certezza, in ogni caso, di vedersi garantita anche per l'anno prossimo la possibilità di partecipare nel campionato professionistico. È il quarto campionato consecutivo di quarta serie per il Celano. In epoca di crisi economica e calcistica questo certo non è poco.
Riguardo la formazione da opporre al Rovigo con ogni probabilità Modica darà fiducia allo stesso undici di domenica scorsa. Vurchio tra i pali. In difesa spazio a Rossini, De Maiò, Zanon e Zaccardi. Centrocampo a tre formato da Barbetti, Fanelli e Caccavallo. In avanti fiducia al collaudato tridente Negro-Villa-Dionisi.
Nella Colligiana il tecnico Mesiti dovrebbe affidarsi alla stessa formazione capace di superare in casa la capolista Figline: Giusti, Radice, Laverone, Carfora, D'Ambrosio, Bonini, Collini, Tranchitella, Lacheheb, Marino ed Esposito.
Celano-Colligiana verrà arbitrata da Giorgio Peretti della sezione di Verona. Assistenti Albani e Veccia.
A conclusione del campionato è previsto un incontro tra il tecnico Modica ed il patron celanese Piccone. All'ordine del giorno il rinnovo contrattuale dell'allenatore siciliano, al momento più che probabile.

Andrea Sacchini 16/05/2009 10.01