Indiveri: «i tre punti col Foligno fondamentali per morale ed entusiasmo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2199



PESCARA. Proseguono gli allenamenti del Pescara in vista dell'imminente trasferta di domenica con la Paganese. Buone notizie per il tecnico Cuccureddu che potrà contare su Simon. L'attaccante argentino con ogni probabilità riprenderà posto nell'undici titolare in tandem con Bazzani. Anche per quest'ultimo infatti, che in settimana non si è allenato con regolarità, l'allarme sembra pienamente rientrato.
Rientro di Simon a parte non dovrebbero esserci novità rispetto l'undici che ha battuto 2-1 il Foligno nell'ultima domenica di campionato. Zeytulaev, rientrato dagli impegni in nazionale, con la Paganese dovrebbe partire dalla panchina.
L'unico dubbio riguarda le condizioni di Siniscalchi alle prese con una botta alla caviglia. In luogo dell'ex centrale dell'Ascoli è comunque pronto Romito.
Chi ci sarà certamente è Indiveri, protagonista assoluto nel match vinto con il Foligno con un rigore parato ed almeno un paio di interventi prodigiosi: «sono contento di aver contribuito in maniera così importante al risultato. Era parecchio tempo che non paravo un rigore, dall'incontro casalingo con la Salernitana nel dicembre 2007. Per un portiere parare un penalty è una cosa fantastica. Dopo alcune settimane difficili questo successo rappresenta un'importante iniezione di fiducia per il proseguo del torneo. Sia per me sia per la squadra».
Con il Foligno la vittoria è risultata di capitale importanza più per il morale che per la classifica: «sì infatti. Questi tre punti sono fondamentali per sbloccarci anche a livello mentale. Dovevamo vincere a tutti i costi ed anche con un pizzico di fortuna ce l'abbiamo fatta. Questi tre punti ci hanno dato tanto morale e soprattutto la voglia di lavorare al meglio con maggiore tranquillità».

L'IMPATTO DI ANTONELLO CUCCUREDDU

Il cambio di rotta della squadra è grande merito sicuramente del nuovo tecnico subentrato all'esonerato Giuseppe Galderisi: «il mister è stato bravo a lavorare soprattutto sulla testa di noi giocatori. Ci ha dato tanta fiducia ed abbiamo risposto positivamente. Quest'anno abbiamo sofferto troppo e certo tutta la colpa non è stata di Galderisi. Cuccureddu però è stato bravo a portare una ventata di entusiasmo nello spogliatoio».
Nell'ultimo match di campionato si è visto un Pescara battagliero a immagine e somiglianza del carattere di Antonello Cuccureddu. Indiveri è ben felice: «abbiamo dimostrato di avere carattere anche nei momenti più difficili. In questo momento servono i punti non mi interessa giocare bene. Per salvarci dobbiamo lottare fino alla fine su ogni pallone».

LA TRASFERTA DI PAGANI

Adesso l'attenzione è focalizzata all'imminente trasferta di domenica a Pagani: «arriviamo nelle migliori condizioni soprattutto mentali. Incontriamo un avversario ostico. Dobbiamo sbagliare il meno possibile perché la Paganese viene da un'ottima striscia di risultati.
Dalla nostra dobbiamo cercare di vincere perché non meritiamo una classifica del genere. Importante sarà disputare una partita ordinata tatticamente».
«Sento dire» – conclude l'estremo difensore biancazzurro – «che a Pagani l'ambiente è molto caldo come un po' in tutti i campi della serie C. Questo è vero ma in campo non è mai successo niente di grave. Nessun giocatore è stato mai toccato. Noi andiamo in campo e non dobbiamo farci condizionare da quello che succede fuori».

NOTIZIARIO

Amichevole pomeridiana ieri per il Pescara al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo. Avversario di turno la Berretti guidata da Cipriani. Risultato 4-2 per la prima squadra con reti di Simon, Coletti, Perrulli e Romito. Per la Berretti hanno realizzato Rosetti e Rossini. Nel primo tempo Cuccureddu ha impiegato coloro che con ogni probabilità partiranno dal primo minuto domenica a Pagani. Unico assente Bazzani che, come già detto, non appare in dubbio.

Andrea Sacchini 03/04/2009 10.23