Delfino Pescara. Cuccureddu:«per la salvezza lavoro e sacrificio»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2505



PESCARA. Ripresa degli allenamenti sotto pioggia e nebbia per il Pescara allo stadio Comunale di Città Sant'Angelo. All'interno del gruppo è tornato il sereno e la cura Cuccureddu ha subito dato i primi frutti. Col Foligno, più che per trame di gioco, i biancazzurri hanno impressionato positivamente per grinta e carattere. Tante volte in questa stagione la squadra si era sciolta come neve al sole dinanzi le prime difficoltà. Domenica al contrario, complice anche il carattere battagliero del nuovo tecnico, il gruppo ha saputo reagire egregiamente nei momenti più difficili della partita.
Hanno risposto positivamente anche quei giocatori scarsamente presi in considerazione da Galderisi. Su tutti Ferraresi e Diliso. Quest'ultimo, seppur con qualche sbavatura nel finale dettata più che altro da scarsa condizione atletica per il poco utilizzo, ha fatto valere la sua grande esperienza nel ruolo di quarto di difesa a destra.
Su questo argomento ha parlato ieri al termine dell'allenamento Antonello Cuccureddu: «chi è stato chiamato in causa ha fatto bene. È importante avere tante alternative in squadra. Le scelte vanno rispettate e nessuno si è lamentato. Naturalmente è sempre un problema lasciare fuori qualcuno. Mi dispiace molto mandare in tribuna qualcuno perché conosco il momento che vive un calciatore. Il calcio però è anche questo».
Alcuni giocatori non sono al top della condizione come Diliso. Il tempo comunque risolverà anche questo problema: «sì certamente. Diliso ha giocato bene ma negli ultimi venti minuti è calato vistosamente. Domenica giocherà chi starà meglio.
Non tutto però è ancora deciso. Sto ancora valutando i singoli per conoscere al meglio le potenzialità del gruppo. Qualche innesto a parte la squadra non è stata stravolta a livello tattico. Prima di tutto bisognava lavorare sulla testa dei giocatori».

TRE PUNTI PER IL MORALE

Col Foligno la squadra è tornato al successo dopo oltre un mese. Tre punti di importanza capitale in primis per il morale: «un successo importantissimo perché ogni vittoria porta entusiasmo e allegria a tutto l'ambiente. Durante la prima settimana avevo visto una squadra depressa. Abbiamo lavorato bene e questo successo alza certamente il morale del gruppo.
Come contro il Foligno è una sola la ricetta per uscire in maniera definitiva dalla crisi di risultati: «lavorare con impegno. I giocatori sono stati bravi a seguirmi fin da subito. Solo attraverso lavoro e sacrificio si può venir fuori da questa situazione di classifica. Da parte di tutti ho visto molta voglia di fare».
«Ovviamente» – prosegue Cuccureddu – «bisognerà migliorare ancora alcune cose. Dovremo limare tutti quagli errori dettati un po' dalla paura. Alcuni elementi poi devono crescere dal punto di vista fisico. Tecnico, giocatori e società dobbiamo tutti restare uniti perché manca poco alla fine del campionato».

LE INSIDIE DELLA GARA DI PAGANI

Domenica il Pescara è atteso dalla difficile trasferta sul campo della Paganese: «sarà una partita impegnativa come tutte in queste categoria. Loro sono una buona squadra, sarà compito nostro preparare al meglio questo match».
Livello tecnico dell'avversario a parte le difficoltà verranno anche da un campo non in perfette condizioni e dall'ambiente “caldo” dello stadio Torre: «andremo su di un terreno dove è difficile giocare a calcio. Dovremo stare attenti perché i problemi sono anche ambientali. Bisogna essere maturi e concentrati per evitare di cadere in provocazioni. Occorre interpretare la partita in maniera diversa dal normale. Noi siamo pronti. Personalmente sono pronto alla lotta ovviamente in senso sportivo».

NOTIZIARIO

Dopo il successo convincente di domenica col Foligno subito una buona notizia per il tecnico Cuccureddu alla ripresa degli allenamenti. Risulta infatti pienamente recuperato Simon, che con ogni probabilità riprenderà i gradi di titolare nel prossimo turno di campionato sull'ostico campo della Paganese. Ha lavorato a parte in palestra Bazzani che non è comunque in dubbio per domenica.
Nel frattempo il giudice sportivo ha squalificato per due giornate Pisciotta, espulso domenica per aver colpito con una manata al volto un avversario. Medesima sanzione per Antonio Esposito della Paganese. Sempre i campani dovranno rinunciare anche a Imparato, appiedato per un turno.
La tifoseria organizzata infine organizza pullman per la trasferta di Pagani. Per informazioni rivolgersi alla sede dei Pescara Rangers sita in via Pepe zona stadio.

Andrea Sacchini 01/04/2009 10.22