Weekend sfortunato per Liuzzi a Dubai

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

867

DUBAI. La quarta prova del campionato Speedcar è nata sotto una cattiva stella per Vitantonio Liuzzi e si è conclusa ancora peggio.
Sul circuito di Dubai, che lo aveva visto vittorioso nella prima tappa del campionato svolta lo scorso dicembre, il tester della Force India F.1 non ha marcato punti, coinvolti in incidenti e in guasti meccanici.
La Speedcar Series è una categoria nata lo scorso anno che raggruppa vetture tutte uguali sullo stile Stock-Car. La potenza dei motori è di 620 cavalli. La serie ha la propria base a Dubai e il campionato si disputa sui circuiti dell'Asia e del Medio Oriente. Alla Speedcar
partecipano numerosi piloti di F.1, tra i quali il campione del mondo Jacques Villeneuve, e un ricco montepremi, di 3 milioni di dollari. Al vincitore del campionato, vinto nel 2008 da Johnny Herbert, spettano 500.000 dollari.
Già fin dalle prove libere, Liuzzi ha accusato un problema al sensore dell'acceleratore che gli ha impedito di percorrere più di tre giri. Nonostante ciò, in qualifica il pilota pescarese si è superato
conquistando il terzo tempo benché la sua vettura soffrisse di problemi ai freni e non fosse perfettamente bilanciata.
In gara 1, Liuzzi reggeva il ritmo del gruppetto di testa occupando il quarto posto dopo un bel duello con Frentzen, ma al 4° giro la rottura del differenziale ha iniziato a causare parecchie difficoltà all'italiano, col posteriore della vettura che in curva praticamente
saltellava costringendolo a perdere la linea ideale della traiettoria. Scivolato quinto, Liuzzi è poi stato centrato dal compagno di squadra Al Maktoum, arrivato lungo in una
curva. Nell'incidente, Liuzzi ha rimediato la foratura della gomma anteriore destra.
Rientrato ai box, sostituiti gli pneumatici, è tornato in corsa cercando di rimediare un piazzamento, ma non è andato oltre il 12° posto.
In gara 2, Liuzzi ha attaccato fin dalla prima curva e in cinque giri aveva recuperato con grinta fino al sesto posto realizzando ad ogni tornato il miglior tempo in corsa. Al 4° giro però, Christopher Zoechling, urtatosi con Jean Alesi, è finito in testacoda e mentre
piroettava ha colpito in pieno la vettura di Liuzzi costringedolo a un mesto ritiro.
«Sono molto deluso dall'esito di questa trasferta», ha spiegato il pilota abruzzese, «avevo lasciato il Qatar, quindici giorni fa, pieno di speranze dopo i due podi conquistati e la concreta possibilità di lottare per il campionato. Ma a Dubai, pista che mi aveva visto vincitore in dicembre, non è andato bene nulla. La macchina improvvisamente ha accusato una serie di problemi infinita fin dalle prove libere. Prima un sensore dell'acceleratore, poi i freni, poi il differenziale rotto e dulcis in fundo, due colleghi che mi sono venuti addosso. Insomma, meglio dimenticare in fretta questo weekend».

02/03/2009 8.43