Pescara calcio. Trenta giorni importanti in chiave salvezza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2319



PESCARA. Riprendono oggi pomeriggio gli allenamenti del Pescara al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo. I biancazzurri sono reduci dal buon pareggio esterno di domenica a Perugia. Ai punti probabilmente il Pescara avrebbe meritato miglior sorte, ma in fin dei conti il tecnico Giuseppe Galderisi può ritenersi moderatamente soddisfatto dello 0-0 conseguito al Curi. Risultato importante che ha messo in luce la ritrovata solidità difensiva dell'undici adriatico, troppe volte battuto in questa prima metà di stagione.
Archiviata la trasferta in terra umbra all'orizzonte c'è un mese importante. Probabilmente i trenta giorni decisivi per la salvezza. Gli uomini di Galderisi, infatti, sono attesi per ben quattro volte in Abruzzo. Due turni consecutivi tra le mura amiche domenica con la Real Marcianise e sette giorni dopo con il Taranto. Successivamente l'impegno esterno al Biondi contro il Lanciano. Tre gare fondamentali per la salvezza nel momento, a livello tecnico, forse più delicato di tutta la stagione.
Tre risultati positivi potrebbero rilanciare i biancazzurri in posizioni più tranquille di classifica.
Sono infatti solo due i punti che dividono il Pescara dal margine della zona play-out attualmente occupata dal Taranto.
Trascorso un periodo difficile, con soli cinque punti in altrettante gare, da Perugia si sono avuti decisi passi in avanti. Non soltanto la già citata difesa ma anche ritrovata concentrazione e voglia di lottare su ogni pallone.
Da rivedere soltanto la manovra offensiva, piuttosto sterile al di là di un paio di occasioni non finalizzate da Felci e Simon. Domenica con la Real Marcianise, però, Galderisi potrà recuperare elementi importanti per la zona d'attacco. Rientrano dalla squalifica infatti Coletti e soprattutto Zeytulaev. Quest'ultimo indispensabile per la sua grande capacità di inserirsi negli spazi anche senza il pallone. A giorni inoltre dovrebbe arrivare dall'Uruguay il sospirato transfert della punta Laenz. L'ex attaccante del Montevideo potrebbe essere una valida alternativa a Simon, fino ad ora l'unica punta disponibile dell'intera rosa.
Con la Real Marcianise comunque Galderisi dovrebbe confermare il modulo 4-2-3-1 con pochi ma significativi cambi in formazione. Davanti ad Indiveri confermata la difesa a quattro formata da Siniscalchi, Pomante, Vitale e Camorani. In mezzo al campo Giordano dovrebbe essere affiancato dall'altro neo acquisto Coletti. In avanti Felci, Verratti ed il rientrante Zeytulaev agiranno a supporto dell'unico terminale offensivo Simon.

EMANUELE SEMBRONI IN NAZIONALE

Emanuele Sembroni è stato convocato dalla nazionale azzurra under 20 di prima e seconda divisione per l'imminente impegno di Mirop Cup con l'Ungheria. La rappresentativa italiana scenderà in campo domani alle 14.30 allo stadio Fortunati di Pavia. Sembroni ha già raggiunto i compagni in vista del match con l'Ungheria.
La Mirop Cup è una manifestazione annuale riservata ai migliori giovani di Italia, Ungheria, Slovacchia, Slovenia e Croazia.
Motivo di grande orgoglio per il Pescara e giusto premio per il difensore cresciuto nel florido vivaio biancazzurro. Sembroni è tornato a Pescara in estate dopo un anno tutto sommato positivo trascorso nella primavera della Sampdoria. In stagione il centrale nato a Roma ha disputato tre partite delle quali una da titolare per complessivi 124 minuti giocati. Non male per un 1988 che nello stesso ruolo ha avuto la serrata concorrenza di gente già esperta della categoria come Pomante, Giuliano, Romito, Diliso e Siniscalchi.

Andrea Sacchini 10/02/2009 8.57