2°Div/C. Fine mercato in sottotono per la Vdg. Bene la Val Di Sangro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1232



VALLE DEL GIOVENCO. Chiusura di mercato sottotono per la Valle Del Giovenco. Nell'ultimo giorno della campagna trasferimenti invernale è arrivato il solo Rosamilia. Il centrocampista esterno, classe 1980, è stato prelevato dall'Aversa Normanna.
Gli operatori di mercato del club abruzzese hanno concentrato i loro sforzi più che altro nel resistere alle offerte pervenute per i gioielli Di Pasquale, Arcamone, Laboragine e Bettini. Tutti, dunque, resteranno alla corte di Perrone almeno sino a giugno.
C'è grande rammarico però per non essere riusciti ad arrivare a Tarquini del Lanciano. Le due società erano d'accordo ma proprio all'ultimo l'affare è andato in fumo.
Magro anche l'esito delle cessioni. Nessun elemento nelle ultime ore ha lasciato la Valle Del Giovenco. L'unico movimento in uscita, Zarineh alla Paganese, è datato 29 gennaio.
Difficile dunque dare voti al mercato condotto dal sodalizio biancoverde.
Intanto la squadra proseguirà questa settimana gli allenamenti in vista del secondo match consecutivo interno il 15 febbraio allo stadio Dei Marsi con l'Andria. All'orizzonte c'è la sosta di campionato, utile al tecnico Perrone per preparare al meglio la prossima partita. È un dato di fatto che tra le mura amiche la Valle Del Giovenco non è la compagine brillante e vincente di trasferta. Al tecnico ed ai giocatori il compito di invertire il trend di risultati casalinghi tutt'altro che esaltanti.
Infine il giudice sportivo non ha squalificato giocatori della Valle Del Giovenco. È entrato in diffida però Damiano Laboragine.

VAL DI SANGRO. Ultimo giorno di mercato movimentato in casa Val Di Sangro. Il club del patron Amerigo Pellegrini si rafforza ulteriormente piazzando due colpi sulla carta importanti. Dal Lanciano via Padova è arrivato il centrocampista Mazzetto, classe 1988, capace anche di giocare come difensore centrale. Mazzetto, insieme al giovane Sireno prelevato qualche giorno fa, è stato ingaggiato per coprire la partenza di Cacciaglia datata due settimane fa.
Per rinforzare l'attacco, il penultimo dell'intero raggruppamento per reti realizzate, è stato invece acquistato Alessandrì dal Barletta. La punta, trentatré anni compiuti, ha alle spalle una grande esperienza nei campi di serie C ed è il rinforzo ideale per il reparto avanzato di mister Petrelli. A suon di gol Alessandrì potrebbe davvero essere l'elemento in grado di far fare il salto di qualità all'attuale organico. Una squadra che gioca ogni domenica un buon calcio ma che fino ad ora ha trovato grandissime difficoltà sotto porta.
In definitiva sulla carta un mercato da sette per la Val Di Sangro. Gli operatori di mercato biancazzurri, non senza difficoltà, hanno centrato gran parte degli obbiettivi che si erano preposti. Rinforzata la difesa e soprattutto l'attacco ora mister Petrelli ha a disposizione sulla carta un organico capace di evitare innanzitutto l'ultima posizione in classifica. È chiaro, ad ogni modo, che l'obbiettivo da qui a fine torneo sarà quello di evitare la temuta coda play-off.
Intanto la squadra proseguirà questa settimana gli allenamenti in vista del turno di domenica 15 febbraio sul campo della Scafatese. Ad ore i nuovi si aggregheranno al gruppo. Probabile nel week-end un'amichevole col Giulianova al Fadini o al Montemarcone di Atessa.
Infine il giudice sportivo non ha preso particolari provvedimenti a carico dei calciatori della Val Di Sangro. Nessuno squalificato ma entrano in diffida Paolacci, Mangoni e Ruggiero.

Andrea Sacchini 04/02/2009