2°Div/B. Celano e Giulianova tra mercato e campionato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1025



CELANO. Dopo le polemiche arbitrali dell'ultima domenica il Celano torna in campo domani a Gubbio. Il tecnico dei celanesi Modica, a meno di sorprese dell'ultim'ora, dovrebbe confermare a grandi linee lo stesso undici dell'ultimo turno di campionato. Consueto 4-3-3 con il possibile ritorno tra i pali di Vurchio al posto di Goletti. Linea di difesa a quattro con Zanon, Scrozzo, Morgante e Rossini. Trio di centrocampo composto da Barbetti, Fanelli e Caccavallo. In avanti spazio e fiducia al tridente formato da Dionisi, Villa e Negro.
Il Gubbio, tra le mura amiche, è ancora imbattuto con sei successi e quattro pareggi. Missione dunque difficile per i ragazzi di Modica che lontano dal Piccone hanno messo insieme nove punti in dieci match.
Gubbio-Celano verrà arbitrata da Emanuel Tidona di Torino. Guardalinee Gambini e Carmignani.
Appuntamento domani alle ore 14.30 allo stadio Pietro Barbetti di Gubbio.
Nel frattempo proseguono le trattative di mercato che coinvolgono il club celanese. Ieri il DS Marco Giannitti ha rimandato al mittente un'offerta ufficiale del Palermo per l'attaccante biancazzurro Federico Dionisi. La proposta di acquisto, ritenuta economicamente insoddisfacente dall'entourage celanese, ha riaperto di fatto la pista Pescara. Il sodalizio adriatico infatti, non è un mistero, da qualche giorno ha messo gli occhi sul giovane capocannoniere del girone B di seconda divisione. Interessati al giocatore, oltre a Palermo e Pescara, ci sarebbero anche Empoli e Parma. In caso di cessione a gennaio il bomber comunque resterà in maglia biancazzurra almeno fino al termine del campionato in corso. Tra i club interessati solo il Pescara avrebbe tutte le intenzioni di prelevare Dionisi già da questi ultimi giorni del mercato. Possibile in quest'ultima eventualità l'inserimento nella trattative di contropartite tecniche. Farebbero al caso del Celano, tra i tanti, i difensori Mottola e Prizio oltre all'esterno d'attacco Vellucci. Tutti poco utilizzati dal tecnico pescarese Giuseppe Galderisi.
Sul fronte partenze, invece, dovrebbe restare almeno fino a giugno il trequartista Mignogna che avrebbe rifiutato il trasferimento alla Sambenedettese.
Ceduto all'Alghero, infine, l'attaccante ventenne Marco Giordano.

GIULIANOVA. Buone notizie per il tecnico Bitetto in vista della trasferta di domenica sul campo del Bassano Virtus. Risulta pienamente recuperato, infatti, il mediano D'Aniello che a meno di sorprese riprenderà il proprio posto a centrocampo. Per il resto Bitetto in partenza dovrebbe confermare il modulo 4-3-3. Mancini tra i pali. Garaffoni, Vinetot, Ogliari e Ciminà a comporre la linea di difesa a quattro. Croce, D'Aniello e Pucello a formare il trio di centrocampo. Tridente offensivo affidato a Lisi, D'Antoni e Improta.
Il Bassano tra le mura amiche ha ottenuto tre successi, quattro pareggi e tre sconfitte. Per questo il Giulianova, due sole sconfitte in dieci match esterni, ha tutte le carte in regola per uscire imbattuto dalla trasferta in terra veneta.
Il match verrà diretto da Alessandro Pizzi della sezione di Saronno. Assistenti Provesi e Tavelli.
Fischio di inizio domani alle ore 14.30 allo stadio Rino Mercante di Bassano del Grappa.
Per quanto riguarda il mercato, invece, proseguono le difficoltà in casa giallorossa. Gli operatori di mercato giuliesi proveranno negli ultimi giorni di piazzare qualche colpo ma, oggettivamente, tutto dipenderà da alcune cessioni. Nella fattispecie quelle di Vinetot e Improta. Il secondo è inseguito dal Bari, mentre sul difensore hanno chiesto informazioni Genoa, Reggina ed un club inglese. In ogni caso, comunque, Vinetot resterebbe al Giulianova fino a giugno. Riguardo Improta, invece, il Bari insiste per il prestito immediato al contrario degli abruzzesi che gradirebbero la formula della cessione a titolo definitivo.
In entrata si cerca una punta. Tra gli obbiettivi Matteo Di Piazza, di proprietà del Rimini, inseguito da diversi club di prima e seconda divisione.
Il 2 febbraio, ad ogni modo, il patron Bruno Sabatini in persona salirà a Milano nel tentativo di rafforzare l'attuale rosa.
Potrebbe lasciare Giulianova, infine, il bulgaro Galabinov.

Andrea Sacchini 31/01/2009