2°Div/C. La Val Di Sangro perde 2-0 anche ad Aversa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

717



AVERSA. La Val Di Sangro viene nuovamente sconfitta in trasferta, 2-0 sul campo dell'Aversa Normanna e precipita all'ultimo posto della graduatoria. Diciottesima piazza che a fine campionato, lo ricordiamo, significherebbe retrocessione diretta in serie D. Un ko pesantissimo anche in virtù del fatto che l'Aversa Normanna, graduatoria generale alla mano, è da considerarsi diretta concorrente per la salvezza.
Una rete per tempo. Al 22esimo Marasco ed al 56esimo Pagano.
Avvio di marca ospite. Sugli sviluppi di un corner dalla destra colpo di testa di Paolacci che termina di poco sul fondo.
L'inizio dei sangrini sembra incoraggiante ma è solo un fuoco di paglia.
In pochi minuti l'Aversa Normanna prende possesso del pallino del gioco fino al vantaggio al minuto 22. Gennaro Marasco supera Ameltonis su preciso suggerimento di Antonio Marasco.
Poco prima del riposo i campani hanno due nitide occasioni per il raddoppio ma Di Girolamo e Franzese non inquadrano il bersaglio grosso.
2-0 che puntuale arriva al 56esimo direttamente su calcio piazzato battuto da Pagano. Gravi responsabilità di Ameltonis nella circostanza. Estremo difensore sangrino che però si riscatta qualche minuto più tardi evitando ai suoi un passivo ancor più pesante.
Nella Val Di Sangro il tecnico Petrelli ha confermato il 4-4-2 in fase di non possesso palla. Ameltonis tra i pali. Linea di difesa a quattro formata da Curcio, Del Grosso, Sensi e Paolacci. A centrocampo Sireno ed Epifani centrali con Paris e Grillo sulle fasce. In avanti spazio al tandem offensivo Memmo-Campli. In corso d'opera hanno fatto il loro ingresso in campo Fiorotto, Ruggiero e Perfetti.
L'Aversa Normanna di mister Sergio ha risposto con il seguente schieramento titolare: Pettinari, Pagano, Zolfo, Panini, Di Girolamo, Maraucci, Marasco A., Marasco G., Franzese, Longo e Sibilli.
Ha diretto il match Penno di Nichelino davanti a quasi mille spettatori.
Confermate in pieno tutte le difficoltà incontrate dalla Val Di Sangro in trasferta fino ad ora in campionato. Difesa distratta e fragile ma soprattutto attacco poco pungente. Fiorotto e compagni, non a caso, non hanno praticamente quasi mai creato reali grattacapi all'estremo difensore di casa. Gli stessi difetti palesati nelle precedenti dieci trasferte. Nel complesso i sangrini lontano dal Montemarcone di Atessa hanno racimolato la miseria di tre pareggi in undici match. Decisamente un ruolino di marcia disastroso che sta compromettendo non poco il cammino salvezza degli uomini di Perri prima e Petrelli ora.
Anche il cambio al timone della squadra non ha portato i frutti sperati, segno inequivocabile che il problema non era e non è il tecnico.
Dal mercato sono arrivati diversi elementi di buon valore ma inevitabilmente, prima della fine del mercato, dovrà arrivare un attaccante o quantomeno un centrocampista dalle spiccate doti offensive. Fino ad ora, infatti, è mancato il classico centrocampista abile negli inserimenti senza pallone. Per il reparto offensivo negli ultimi giorni si è fatto il nome di De Luca della Scafatese. Difficile però ipotizzare che questa trattativa e/o altre parallele si sblocchino prima di fine gennaio.
Per quanto riguarda il campionato, infine, domenica prossima la Val Di Sangro ospiterà al Montemarcone di Atessa la Vigor Lamezia. Sarà un altro scontro diretto per la salvezza visto che solo un punto divide le due compagini.

Andrea Sacchini 26/01/2009