Delfino Pescara: Aumento di capitale e Deborah Caldora presidente

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3717



PESCARA. Pochi minuti fa negli uffici della Caldora Costruzioni, alla presenza del notaio Grazia Buta, i soci della Delfino Pescara 1936 hanno provveduto all'aumento capitale della società.
Una cifra non inferiore ai 600mila euro.
Come previsto dal bando emesso dal curatore fallimentare Saverio Mancinelli.
Versamento indispensabile per prendere parte all'asta di acquisizione del titolo sportivo della Pescara calcio del prossimo 20 gennaio.
Inoltre, è stata nominata Deborah Caldora come presidente ed amministratore unico della Delfino Pescara 1936.
L'imprenditrice pescarese rappresenterà la neonata società all'imminente asta del 20 gennaio.
Agli attuali componenti intanto si è aggiunto un nuovo nominativo, quello di Vincenzo Serraiocco.
La compagine societaria, dunque, ad oggi, è formata da Giuseppe Adolfo De Cecco, Adolfo Maria De Cecco, Deborah Caldora, Antonio Edmondo, Daniele Sebastiani, Gabriele Bankowski, Antonio Di Cosimo, Amerigo Pellegrini, Francesco Pirocchi e appunto Vincenzo Serraiocco.
Per quanto riguarda altri gruppi acquirenti, infine, ancora nessun'altra richiesta di affiliazione è pervenuta in Lega.
Da questo punto di vista c'è tempo fino a mezzogiorno del 19 gennaio per poter depositare le offerte in busta chiusa nella cancelleria del Tribunale di Pescara.
L'apertura delle buste è fissata al Tribunale di Pescara per le ore 9.30 del 20 gennaio. Nell'ipotesi di unica offerta, fatto che si starebbe delineando, verrà provvisoriamente aggiudicato all'unico offerente. Nell'eventualità di più offerenti verrà indetta fra gli stessi una gara con offerte in aumento. Ogni rilancio non potrà essere inferiore ai 10mila euro partendo dall'offerta più alta pervenuta in busta chiusa. L'aggiudicatario sarà, anche in questo caso, provvisorio per dieci giorni.

TIFOSI IN TRIBUNALE IL 20 GENNAIO

Ieri significativo comunicato da parte dei Pescara Rangers 1976, il principale gruppo della tifoseria organizzata pescarese: “è arrivato il momento di tirare fuori l'orgoglio, quello che noi pescaresi abbiamo dimostrato di avere, la nostra giornata biancazzurra non sarà una domenica, ma martedi 20 gennaio al Tribunale di Pescara, per riprenderci una volte per tutte ciò che è nostro: la Pescara Calcio”.

Andrea Sacchini 16/01/2009