Roseto 1946 vince a Venezia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

977



ROSETO. La Pallacanestro Roseto 1946 espugna il Taliercio di Mestre e incassa due meritatissimi punti battendo Venezia per 77-88, in un match guidato costantemente dal primo all'ultimo istante.
Sugli scudi la prova corale dei biancazzurri che con cinque uomini in doppia cifra hanno saputo domare le qualità degli avversari.
Eccellente la serata dei tiratori ospiti che con Ruini, Fulvio e Pinnock hanno martellato il canestro dalla linea dei 6,25. Da rimarcare anche il peso specifico di Lloreda, 16 punti, 13 rimbalzi e 10 falli subiti, a testimonianza della pericolosità di questo atleta che sta ritrovando la migliore condizione e riesce ad offrire ai suoi compagni soluzioni di tiro più facili. Squadra decisa, cattiva in difesa, attenta a rimbalzo, insomma il Roseto da battaglia che ha sempre predicato il suo allenatore sin da questa estate.
Quintetti iniziali. Trullo, dopo essersi consultato con lo staff medico, decide di partire con Fulvio in regia, Ruini guardia, l'acciaccato Pinnock ala piccola, Ringstrom ala forta e Lloreda al centro. Dall'altra parte Dalmasson risponde con Rombaldoni play, Manuel Carrizo guardia, quindi la coppia Nate Green – Otis George con Alex Bougaieff a chiudere lo starting five.
Nel primo quarto è lo svedese Ringstrom l'assoluto protagonista con due bombe nello spazio di un respiro, intervallate da un canestro di capitan Ruini. Allo 0-8 risponde Bougaieff ma Ruini infila subito altre due triple per il 2-14. Roseto devastante in avvio, Venezia in bambola sotto i colpi dei biancazzurri. Entra in gara anche Lloreda che replica ai canestri di Causin e Meini ma in questa fase la gara vede un monologo degli ospiti che non accennano ad abbassare il ritmo: Pinnock buca la retina dai 6,25 e con i due punti da sotto di Alberti lo score diventa 15-25.
Nel secondo quarto si mette subito in evidenza Pazzi con il tiro da fuori. Fulvio imita il compagno per due volte e per il quintetto di Dalmasson sono dolori. Alberti prova a guidare la riscossa ma sul 21-34 è Ringstrom a produrre un break di 0-4 per i suoi. Pinnock mostra un'insolita vena nel tiro dall'arco mentre Fabio Ruini non sbaglia un colpo: l'orchestra di Trullo suona una sinfonia meravigliosa e all'intervallo il tabellone recita un eloquente 28-48.
Alla ripresa del gioco il coach dei biancazzurri prova a ruotare le pedine a sua disposizione e Venezia ne approfitta per rosicchiare pian piano il vantaggio degli avversari. Bougaieff e Causin da sotto infilano il canestro poi sono Causin e Rombaldoni ad accorciare ulteriormente le distanze malgrado le bombe di Fulvio. Prima della sirena c'è il tempo di vedere un'altra tripla di Pinnock che vale il 51-67 al trentesimo minuto, + 16 che consente di gestire il match nei dieci minuti successivi.
Nell'ultimo periodo Otis George e Rombaldoni bucano la retina da 3 e portano l'incontro sul -12. Gli ospiti capiscono che è il momento di dare un altro colpo di acceleratore e con Ringstrom mantengono il divario, 65-77. Green firma il -10, poi Carrizo accorcia ancora per il 69-77. Pinnock rilancia i suoi con un canestro da sotto ma sbaglia il tiro libero aggiuntivo facendosi perdonare nell'azione successiva e portando lo score sul 69-81. Tre canestri in rapida sequenza con un Otis George implacabile da tre conducono al -9, 74-83. Si giunge agli ultimi sessanta secondi con Lloreda che subisce il decimo fallo della sua gara, questa volta da Bougaieff: il panamense non sbaglia i liberi, 74-85. Green commette il suo quinto fallo su Ringstrom e lascia il campo per Meini, l'ala del Roseto è preciso dalla lunetta e porta i suoi sul +12, 76-88. Bougaieff con i liberi fa 1 su 2 e i biancazzurri possono esultare per la prima vittoria esterna stagionale, 77-88 il punteggio del Taliercio che regala agli uomini di Trullo la soddisfazione di un pronto riscatto e la conferma di quanto di buono visto sinora nel corso della stagione. Cinque uomini in doppia cifra per gli ospiti che adesso si preparano alla difficile sfida contro Scafati di domenica prossima al Pala Maggetti.

Umana Venezia - Pallacanestro Roseto 1946 77-88
Umana Venezia: Rombaldoni 14(2/6, 3/8), Causin 11 (3/3, 1/3), George 11 (0/1, 3/4), Farioli (0/1, /), Green 11(5/11, 0/2), Meini 5(1/2, 0/2), Alberti 8(4/6, /), Prandin (0/2, /), Bougaieff 9(4/4, 0/2), Carrizo 8(4/6, 0/3). All. Dalmasson
Pallacanestro Roseto 1946: Ruini 19(3/6,4/6), Borsato (/, 0/1), Pinnock 16(3/6,3/7), Ringstrom 16 (3/7,2/5), Fulvio 15(1/1,3/6), Lorenzetti (0/1, /), Pazzi 6(1/1, 1/1), Lloreda 16(7/12, /), Lagioia (/, /), Casoli (/). All. Trullo
Parziali: 15-25, 28-48, 51-67.
Tiri da 2: Venezia 23/42, Roseto 18/34. Tiri da 3: Venezia 7/24 , Roseto 13/26. Tiri liberi: Venezia 10/16 , Roseto 13/25.
Arbitri: Pasetto, Perretti e Di Toro.
Note: usciti per cinque falli Borsato (Roseto) e Green (Venezia)

01/12/2008 9.25