A Torre, la raccolta fondi per ridare una speranza alla piccola Laura

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

841

TORRE DE’ PASSERI. Calcio, basket e solidarietà ancora insieme per far valere le ragioni del cuore.
Domenica 23 novembre in occasione dei rispettivi campionati, l'A.S.D. Torre de' Passeri, che affronterà in uno dei tanti derby della stagione l'Alanno, e la Torre Spes Basket che si scontrerà sul parquet del palazzetto comunale con la Sam-Roma, devolveranno l'incasso delle rispettive partite a favore della famiglia di Laura, bambina di Salle, di soli 12 anni che, a causa di un avvelenamento da funghi della famiglia amanita phalloides, da più di dieci anni è cerebrolesa.
Le iniziative di solidarietà, come spiegano i direttori sportivi delle formazioni torresi Giovanni Mancini e Paolo Di Lorenzo, permetteranno infatti di raccogliere fondi che consentiranno alla piccola di curarsi con cure mediche molto costose negli Stati Uniti, dove si effettua
"l'ossigeno terapia" insieme a cicli di terapia fisica intensiva personalizzata.
Una tecnica è all'avanguardia, molto efficace soprattutto con i cerebrolesi e in grado di dare loro una speranza di miglioramento.
Apprezzamento per le iniziative è arrivato dal sindaco di Torre de' Passeri, Antonello Linari che ha precisato: «Ancora una volta la nostra comunità si mostra con tutto il suo grande cuore e promuove
un'iniziativa di solidarietà per sostenere una famiglia in difficoltà.
A mamma Marisa e papà Claudio va tutta la mia stima per il grande coraggio, l'inesauribile forza e lo straordinario amore con cui ogni giorno si prendono cura della piccola Laura. Nelle prossime
settimane», ha concluso Linari, «ci saranno altri momenti di incontro organizzati a Torre de' Passeri da Comune, associazioni cittadine, Croce rossa e scuola volte a raccogliere fondi e a promuovere una partecipazione del paese per sostenere una famiglia che tutti conosciamo e che merita il nostro aiuto».

21/11/2008 7.55