2°Div/B. Giulianova a mille, Celano attento ai passi falsi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

955



GIULIANOVA. Risultati alla mano è un momento eccezionale per il Giulianova. La squadra, partita con il semplice obbiettivo di evitare la retrocessione, è ora stabile ai piani alti della classifica. L'undici di Bitetto, complici soprattutto le ultime buone prestazioni sul piano del gioco, è imbattuto da cinque turni. Tre dei quali in trasferta. Quest'ultimo dato la dice lunga sulle qualità tecniche ma anche mentali dei giuliesi.
Domenica a Figline Valdarno ancora una volta la squadra ha dato prova di grande carattere. Passato in svantaggio il Giulianova ha trovato la forza di pareggiare i conti, sfiorando addirittura il successo nel corso della ripresa.
La rosa a disposizione del tecnico è qualitativamente elevata. È giusto pensare in primis alla salvezza ma non bisogna escludere a priori la possibilità play-off. In particolar modo se la quadra continua sulla falsariga dei buoni risultati dell'ultimo periodo.
In vista del ritorno al Fadini di domenica il tecnico Bitetto dovrebbe avere a disposizione l'intera rosa. Il giudice sportivo, infatti, non ha squalificato giocatori giallorossi e l'infermeria ad oggi è vuota. Avversario di turno sarà il Poggibonsi, compagine pienamente coinvolta nella coda play-out.
Il match potrebbe essere l'occasione ideale per ipotecare virtualmente la salvezza diretta senza passare per gli spareggi a giugno.
Per quanto riguarda la formazione Bitetto concederà nuova fiducia allo stesso undici di Figline. Tridente con Lisi, Improta e D'Antoni con D'Aniello e Croce in linea mediana. L'unica novità dovrebbe essere il rientro nell'undici titolare di Ogliari dopo il turno di squalifica. Possibile anche l'impiego dal primo minuto di Pucello anche se Luca Cichella in terra toscana ha ben figurato in mezzo al campo.
Buone notizie invece a livello societario. È stato convocato per la settimana prossima il consiglio d'amministrazione del club. I soci dovranno ricapitalizzare per una cifra vicina al milione di euro. Pagamento che dovrebbe eliminare tutti i debiti pregressi del sodalizio abruzzese. Alte, infatti, le possibilità che il debito Iva-Irpeff venga rateizzato nel tempo.
Nessuna novità infine sulla possibile cessione dell'intero o parte del pacchetto azionario ad un nuovo gruppo subentrante.

CELANO. Ripartire. È questa la parola d'ordine in casa Celano dopo il passo falso di Giulianova e la mezza delusione dell'ultima domenica in casa con la Sangiustese. L'undici di Modica dovrà ritrovare la retta via dopo un piccolo periodo di flessione.
Momento di flessione che inevitabilmente è coinciso con la scarsa brillantezza dell'attacco biancazzurro. Ventidue gol fatti nelle prime dieci giornate a fronte di due sole reti nelle ultime due uscite di campionato. Probabilmente è qui la chiave di volta della leggera flessione degli abruzzesi. Il quadro è ben definito se a ciò si aggiunge lo sfortunato periodo che attraversa la difesa.
Striscia di risultati poco positivi che comunque non desta preoccupazioni in casa celanese. Il campionato è fatto di alti e bassi e certamente il Celano, forte della grande qualità della propria rosa, ha tutte le carte in regola per tornare ad ambire ad un piazzamento play-off. Quinto posto che, malgrado tutto, resta nelle mani dei biancazzurri con due lunghezze di vantaggio sulle seste Gubbio e Prato.
Sull'attuale momento Modica è stato chiaro dopo il pareggio 1-1 di quattro giorni fa al Piccone: «in settimana stiamo analizzando cosa è andato e cosa non è andato per il verso giusto. Vogliamo riprendere la corsa per l'alta classifica già da domenica anche se siamo consci della forza del nostro prossimo avversario».
Domenica nuova trasferta sul difficile campo della Sangiovannese, diretta concorrente proprio per l'accesso ai play-off. Rientrerà dal turno di squalifica Rossini che potrebbe rientrare nell'undici titolare. Per il resto Modica dovrebbe confermare lo stesso undici di domenica con il tridente confermatissimo composto da Villa, Negro e Dionisi. L'unica novità potrebbe essere il ritorno dal primo minuto del baby Barbetti in luogo di uno tra Fanelli e Mignogna.
Infine Paltemio Barbetti è stato convocato nella nazionale under 20. Per il mediano celanese, uno dei talenti emergenti del palcoscenico calcistico italiano, è l'ennesima convocazione in azzurro. L'Italia ha giocato ieri nel secondo match del torneo Quattro Nazioni a Como contro la Svizzera. Ovviamente Barbetti ha preso parte all'incontro.

Andrea Sacchini 20/11/2008