Cuore e rabbia Pescara: a Vasto il Gallipoli capitola 2-1

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1401

VASTO. Il Pescara lascia da parte per novanta minuti le delicate vicende societarie e sfodera una prestazione tutta cuore e grinta all'Aragona. Battuto con merito 2-1 il Gallipoli, fino a ieri seconda forza del torneo.
Superba prova di carattere ed attaccamento alla maglia dell'undici di Galderisi. Per lunghi tratti della contesa addirittura commovente. Tutta la rabbia di questi giorni si è tramutata in carica e cattiveria agonistica, per un successo meritatissimo per i valori tecnici espressi in campo.
Buon avvio del Gallipoli che al terzo va vicino al gol ma al decimo è il Pescara a passare in vantaggio. Sugli sviluppi di un corner dalla sinistra sponda di Felci per Siniscalchi che insacca.
Reazione del Gallipoli che al 20esimo trova il punto del pareggio. Ginestra elude un paio di avversari e in diagonale fredda Prisco. Sfortunata e distratta nell'occasione la retroguardia biancazzurra.
Trascorrono solo cinque minuti ed il Pescara si riporta in vantaggio. La linea difensiva pugliese sbaglia il fuorigioco e lascia a tu per tu Zeytulaev col portiere Rossi. L'uzbeko si lascia respingere il primo tiro che termina fortunatamente sui piedi di Felci che deposita in rete.
Nella ripresa il Gallipoli va più volte vicino al pareggio ma il risultato non cambia. Il Pescara con le unghie e con i denti riporta a casa tre punti di capitale importanza.
Nel finale è stato espulso Zeytulaev per somma di ammonizioni.
Riguardo la formazione il tecnico Galderisi ha dovuto rinunciare tra squalifiche ed infortuni a tanti elementi importanti. Out Romito, Giuliano, Verratti, Cardinale, De Sousa, Bazzani. Per il resto fiducia al 4-2-3-1 delle ultime domeniche: Prisco in porta che ha vinto il ballottaggio con Indiveri. Linea difensiva a quattro con Pomante e Siniscalchi centrali, Camorani a destra e Vitale a sinistra. Duo di mediani formato da Ferraresi e Stella. In avanti Zeytulaev e Felci sugli esterni e Di Vicino nel mezzo a supporto dell'unico terminale offensivo Simon. A partita in corso hanno fatto il loro ingresso in campo Diliso, Sembroni e Pisciotta.
Il Gallipoli, modulo 3-5-2, ha risposto con il seguente schieramento: Rossi, Sissoko, Antonioli, Suriano, Vastola, Russo, Esposito, Merzaglia, Cangi, Mounard e Ginestra.
Da rimarcare il mediocre arbitraggio, a tratti indisponente, di Barbiero di Vicenza.
Assenti all'Aragona i nuovi dirigenti del delfino, invitati dalla tifoseria a lasciare il capoluogo adriatico il più presto possibile. Presente soltanto il Team Manager Gianfranco Multineddu, tra l'altro espulso ed applaudito dallo stadio.
Domenica turno esterno sul campo del Foligno in attesa di qualche notizia a livello societario. A proposito Rizzuto è stato il primo a confermare l'addio a Pescara, ma a breve potrebbero seguirlo alcuni membri del neo cda del sodalizio di via Pertini.
Mercoledì nel frattempo la squadra potrebbe decidere anche di non partire per Foggia per il secondo turno della Coppa Italia Lega Pro. Il tutto in una settimana decisiva, tra l'altro, per quanto riguarda il deferimento sulla vicenda del tesseramento di Cappai ed il pagamento di Iva, Enpals e Irpeff.

PRIMA DIVISIONE GIRONE B. RISULTATI, CLASSIFICA E PROSSIMO TURNO

Arezzo-Foligno 0-0
Crotone-Ternana 3-0
Juve Stabia-Potenza 0-0
Real Marcianise-Foggia 1-0
Paganese-Lanciano 3-2
Perugia-Taranto 3-0
Pescara-Gallipoli 2-1
Pistoiese-Benevento 1-3
Sorrento-Cavese 1-0

Classifica: Arezzo 21; Crotone 18; Gallipoli 17; Foggia 16; Benevento 15; Cavese 14; Perugia 13; Sorrento, Paganese e Pescara 12; Ternana, Marcianise e Taranto 11; Foligno 10; Lanciano 9; Juve Stabia 8; Pistoiese 5; Potenza 4 (-3).

Prossimo turno: Benevento-Marcianise, Foggia-Arezzo, Foligno-Pescara, Gallipoli-Cavese, Juve Stabia-Pistoiese, Lanciano-Ternana, Paganese-Perugia, Potenza-Sorrento, Taranto-Crotone.

Andrea Sacchini 27/10/2008