Il Pescara pareggia 1-1 a Taranto e muove la classifica

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1386

TARANTO. Il Pescara evita la quarta sconfitta consecutiva fuori casa raccogliendo un pareggio. Nulla di che ma comunque prezioso per muovere la classifica in attesa di tempi migliori. Pari tutto sommato giusto per i valori tecnici espressi in campo lungo l'arco dei novanta minuti di gioco.
Per gli abruzzesi timidi passi in avanti dal punto di vista del gioco. Niente di entusiasmante ma sicuramente meglio delle uscite fin qui disastrose lontano dall'Aragona.
L'inserimento nell'undici base di Cardinale, inoltre, ha infuso parte di quella cattiveria agonistica mancata ad esempio in casa del Real Marcianise.
Nel complesso gli uomini di Galderisi si riscattano con una prova ordinata. Mostrando a Taranto una discreta organizzazione.
L'infortunio di Bazzani ha costretto l'ex tecnico di Giulianova e Foggia a varare un modulo con un centrocampo a cinque. Linea mediana a cinque in fase di non possesso che ha fornito ottimo filtro alla retroguardia.
Sugli scudi il baby Verratti, il migliore in campo dei suoi. Il giovane trequartista, neanche sedicenne, a coronamento di una grande prova è stato l'autore dell'assist illuminante a Felci per il momentaneo vantaggio del Pescara.
Buon avvio dei padroni di casa con una conclusione imprecisa di Dionigi.
Assoluta noia fino al minuto 28 quando gli adriatici vanno vicini alla prima marcatura. Pomante sugli sviluppi di un calcio piazzato trova l'estremo difensore pugliese Nordi pronto alla risposta.
Al 32esimo il vantaggio del Pescara. Verratti illumina il pomeriggio del deserto Iacovone e pennella un assist perfetto per l'inserimento centrale di Felci. L'esterno biancazzurro a tu per tu con Nordi non fallisce timbrando il suo primo centro stagionale.
Il Taranto cerca di riordinare le idee ma il Pescara non trova alcuna difficoltà nel congelare il risultato di vantaggio sino al riposo.
Nella ripresa è tutto un altro Taranto. Dopo pochi minuti la conclusione da fuori di Paolucci respinta da Indiveri è sentore che la partita sta cambiando. Al 53esimo il pareggio dei rossoblù. Sugli sviluppi di una punizione Dionigi libero da marcature stacca di testa e sigla l'1-1.
Balla la difesa del Pescara che due minuti più tardi rischia di subire il secondo gol. Altro calcio di punizione ma questa volta l'inzuccata di Migliaccio non inquadra lo specchio della porta.
La partita si trascina stanca sino agli ultimi due sussulti della contesa. Prima viene annullato un gol a Zeytulaev e poi all'ultimo minuto Dionigi di testa servito da un compagno mette solo paura ad Indiveri. Triplice fischio finale e 1-1 giusto per quanto visto allo Iacovone.
Il tecnico biancazzurro Giuseppe Galderisi ha optato per il 4-2-3-1. Erano indisponibili Bazzani e Romito per infortunio e Giuliano. Quest'ultimo appiedato per un turno dal giudice sportivo. Assente anche Di Vicino per gravi motivi familiari. Per il resto Indiveri in porta. Linea difensiva a quattro con Pomante-Siniscalchi coppia centrale, Vitale a sinistra e Camorani dirottato a destra sulla linea dei terzini. In mediana Pisciotta e Cardinale. Sugli esterni le idee di Felci e Zeytulaev e l'estro di Verratti a supporto dell'unico terminale offensivo Simon. In corso d'opera hanno fatto il loro ingresso in campo Stella, De Sousa e Verratti.
Dellisanti, tecnico del Taranto, si è affidato al seguente undici titolare: Nordi, D'Alterio, Prosperi, Migliaccio, Pastore, Giorgino, Cazzola, Shala, Dionigi, Micco e Paolucci.
Ha diretto l'incontro Merchiori di Ferrara. La gara si è disputata a porte chiuse.
Domenica all'Aragona i biancazzurri ospiteranno il Lanciano nell'unico derby abruzzese della prima divisione. Date le difficoltà di fare risultato pieno in trasferta, i tre punti sono d'obbligo. Per ridare un po' di tranquillità all'ambiente e soprattutto per tornare a sperare in un piazzamento play-off.
Tralasciando il campionato per il Pescara si apre un'importante settimana dal punto di vista societario. Il sodalizio di via Pertini, infatti, è vicinissimo al quarto cambio di proprietà in poco meno di due anni. Dopo l'era Paterna, Renzetti, Pincione e Soglia, infatti, un nuovo gruppo è interessato a rilevare le azioni della Pescara calcio. Assodata la ferma volontà a cedere da parte di Gerardo Soglia, resta da verificare la reale intenzione dei potenziali compratori. Possibili entro oggi novità importanti.

PRIMA DIVISIONE GIRONE B. RISULTATI, CLASSIFICA E PROSSIMO TURNO

Benevento-Ternana 1-1
Cavese-Real Marcianise 0-0
Foligno-Sorrento 1-1
Gallipoli-Paganese 3-1
Juve Stabia-Crotone 1-0
Lanciano-Arezzo 1-3
Pistoiese-Foggia 1-1
Potenza-Perugia 1-2
Taranto-Pescara 1-1

Classifica: Arezzo e Gallipoli 16; Ternana 11; Benevento e Foggia 10; Crotone 9; Sorrento, Cavese, Taranto e Foligno 8; Real Marcianise e Pescara 7; Juve Stabia, Paganese e Perugia 6; Pistoiese e Lanciano 5; Potenza 0 (-3).

Prossimo turno: Arezzo-Pistoiese, Crotone-Potenza, Foggia-Gallipoli, Real Marcianise-Foligno, Paganese-Cavese, Perugia-Juve Stabia, Pescara-Lanciano, Sorrento-Benevento e Ternana-Taranto.

Andrea Sacchini 06/10/2008