Concusi a Roccaraso i Campionati di pattinaggio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1132

ROCCARASO. Al Palasport “Bolino” di Roccaraso si sono conclusi i Campionati Europei di pattinaggio artistico categorie cadetti e jeunesse (dai 12 ai 16 anni) che hanno visto protagonisti oltre 150 atleti provenienti da Austria, Germania, Spagna, Portogallo, Gran Bretagna, Israele, Olanda, Francia, Slovenia e Italia.
La Nazionale italiana guidata dal Commissario Tecnico Antonio Merlo ha dominato la manifestazione come da pronostico, aggiudicandosi 15 medaglie d'oro su un totale di 16 titoli in palio nelle specialità singolo maschile e femminile, coppia artistico, coppia danza.
L'unico titolo sfuggito agli azzurri, quello degli obbligatori jeunesse femminile, è andato alla tedesca Watcher, mentre la nazionale francese si è ben comportata nelle specialità di coppia raggiungendo il podio con alcuni elementi di buon livello. Per il resto è stato un monologo della nazionale italiana che in molte categorie ha piazzato tre atleti sul podio.
In questo contesto, è stata di altissimo livello la prestazione della pattinatrice Chiara Colpo tesserata per la società Accademia Pattinaggio Pescara, che ha vinto due medaglie d'argento nella classifica del libero e in quella della combinata jeunesse, preceduta in entrambe le gare dalla compagna di Nazionale Silvia Silvia Nemesio di Roma. Per il movimento del pattinaggio abruzzese resta un po' di rammarico perché Chiara ai recenti Campionati Italiani di fine luglio si era imposta proprio davanti alla Nemesio ed aveva quindi le potenzialità per laurearsi campionessa europea ma a questi livelli, quando entrambi le atlete si esprimono al meglio, spesso la classifica finale è frutto della soggettività dei giudici: migliore esecuzione di alcune difficoltà da parte della Nemesio, pattinaggio più fluido ed elegante per Chiara Colpo, il confronto si è sviluppato su queste peculiarità delle due campionesse azzurre.
Esprime comunque grande soddisfazione Sara Locandro, allenatrice di Chiara, nonché responsabile della Scuola Italiana di pattinaggio artistico e Presidente del Comitato Organizzatore dei Campionati Europei: «Speravamo ovviamente nel titolo, ma le due medaglie d'argento costituiscono comunque un ottimo risultato perché la Nemesio è una grande atleta ed anche perché Chiara veniva da due stagioni difficili: i campionati italiani di Fanano e questi Europei di Roccaraso ce l'hanno restituita ad altissimi livelli e questa è la cosa più importante».
Per la Nazionale azzurra il prossimo appuntamento è in calendario tra due settimane quando a Fuengirola (Malaga) si disputeranno i Campionati Europei per le categorie junior e senior: un altro atleta dell'Accademia Pattinaggio Pescara sarà protagonista in Spagna, si tratta di Andrea Aracu, medaglia di bronzo nel 2007, che quest'anno punterà al titolo con decisione.
09/09/2008 8.56