Si rafforzano le possibilità di ripescaggio per Lanciano e Val Di Sangro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2710

ABRUZZO. Si rafforzano le possibilità di un eventuale ripescaggio per Lanciano e Val Di Sangro. I lancianesi in prima divisione ed i sangrini in seconda divisione. Al momento sono diversi i club in forte difficoltà.
In prima divisione attenzione a Spezia, Lucchese e Venezia. Sicuri esclusi Castelnuovo e Martina. Da valutare le posizioni di Juve Stabia e Scafatese.
Entro il 5 luglio (domani, ndr) tutte le società dovranno essere in regola riguardo il pagamento dell'Irpeff, dell'Enpals, delle liberatorie calciatori e della fidejussione bancaria da 207mila euro.
La Covisoc dopo attenta analisi valuterà il tutto entro l'11 luglio. Entro tale data l'organo di controllo dei bilanci delle società comunicherà iscritti e non al prossimo campionato. Il 18 luglio è il turno del Consiglio Federale che si esprimerà sulle situazioni dei club non ammessi che hanno presentato ricorso. Terminato questo iter ci sono altri due ricorsi possibili. Alla Camera di Conciliazione e all'Arbitrato per lo sport del Coni.
Da tenere sott'occhio anche alcune situazioni della serie B. Ovviamente infatti, per effetto domino, la scomparsa di un club cadetto comporta un posto libero nella B stessa e nella prima divisione. Non a caso le nuove norme stabiliscono che in caso di fallimento di un club cadetto, lo stesso ripartirà da due categorie inferiori anziché una. Al momento è critica la posizione del Messina.
Secondo voci interne alla federazione almeno otto squadre rischiano la non iscrizione al prossimo campionato. Potrebbero però essere molte di più. Solo la Serie A sarebbe immune da difficoltà economiche.
Attenta all'evoluzione della vicenda-iscrizione anche il Celano, possibile ripescata in prima categoria. I celanesi l'anno appena concluso hanno raggiunto infatti la finale play-off.
Virtualmente nulle invece le possibilità di ripescaggio del Giulianova.
Per la griglia ripescaggi si tiene conto per il 50% del risultato sportivo conseguito nell'ultima stagione e per il 25% la media spettatori casalinghi negli ultimi 5 anni. Per il restante 25% conta la storia e la tradizione del club.
Lanciano, Val Di Sangro e Celano hanno inoltrato regolare domanda di ripescaggio, forti di un bilancio perfettamente in regola.
A. S.
04/07/2008 11.27