Giulianova: Campitelli fa passo indietro. Teramo: ultimi due giorni per salvare

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1210



TERAMO. C'è tempo fino al 30 giugno per assicurare un futuro alla Teramo calcio. È questa infatti la scadenza per l'iscrizione del club al prossimo campionato. La sottoscrizione aperta nei giorni scorsi presso la Banca di Teramo comincia intanto ad avere i primi frutti. Dopo le numerose offerte fatte pervenire da semplici tifosi, infatti, arrivano le prime adesioni da parte degli imprenditori teramani. I primi ad aver offerto aiuto al Teramo sono stati Sabatino Cantagalli e Aldo Di Francesco. Voci anche su Campitelli. A loro potrebbero aggiungersene altri nei prossimi due giorni. È infatti così poco il tempo a disposizione per salvare il club. Occorrono 700mila euro per iscrivere il diavolo al campionato. Da ottenere infatti ci sono ancora le liberatorie da parte dei calciatori. In città c'è cauto ottimismo ma i 700mila euro, che già non sono pochi, rappresentano soltanto la punta dell'iceberg. Il passivo complessivo infatti si aggirerebbe su oltre tre milioni e mezzo di euro. Al momento però i 700mila euro rappresenterebbero una boccata di ossigeno non di poco conto per le casse del club. La priorità attuale dunque è quella di iscrivere il Teramo al prossimo torneo. Al resto del passivo si penserà in un secondo momento. Lo stesso Malavolta ha comunque fatto sapere che si accollerà parte del debito. Non resta che attendere quindi i prossimi due giorni, senza dubbio i più importanti della storia del Teramo calcio.

GIULIANOVA. Nuovo colpo di scena in casa Giulianova. Dopo una attenta analisi l'imprenditore Luciano Campitelli ha rinunciato all'acquisto della società. Una sorpresa in quanto a detta delle parti l'accordo economico era stato trovato nei giorni scorsi. Sabatini torna dunque in sella al club, così come Di Nicola. Anche Bitetto a questo punto resterà certamente sulla panchina dei giuliesi.
Alla base del rifiuto di Campitelli ci sarebbero motivi familiari. Non è escluso nel prossimo futuro un eventuale ripensamento o un ingresso nel sodalizio abruzzese come socio di minoranza.
Gli eventi degli ultimi due giorni hanno però messo non poco in apprensione la dirigenza giallorossa. Entro il 30 giugno infatti la società dovrà essere in regola con le liberatorie calciatori e con i versamenti Iva ed Empals. Pena la non iscrizione al prossimo campionato di seconda divisione.
Ieri c'è stata in sede un importante incontro tra i soci del Giulianova calcio. Bruno Sabatini, Peppino Marozzi e Dario D'Agostino. Tema del giorno l'iscrizione al prossimo torneo che non dovrebbe essere messa in dubbio. È stata discussa anche la possibilità di far entrare in società altri imprenditori dopo il no di Campitelli. Se ne riparlerà nelle prossime settimane. Iscrivere il Giulianova al prossimo torneo dunque spetterà all'attuale gruppo proprietario.
Oggi intanto verranno aperte le buste per la risoluzione della comproprietà fra i club di C1 e C2. La più importante è quella con il Pescara per la punta Paponetti, che dovrebbe restare in giallorosso.
La comproprietà di Melchiorri è stata infine rinnovata tra Sambenedettese e Siena. Sfumano definitivamente quindi le possibilità di rivedere la punta nuovamente in riva all'Adriatico.

Andrea Sacchini 27/06/2008