La salvezza del Teramo è Polverino? Giulianova: si muove il mercato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1567


TERAMO. Potrebbe esserci una svolta positiva nell'infinita vicenda societaria della Teramo calcio. L'imprenditore campano Carlo Polverino, infatti, sembra aver raggiunto un accordo di massima con il patron Malavolta per la cessione del pacchetto societario del club nelle mani di quest'ultimo.
Nei prossimi giorni potrebbero essere limati ulteriori dettagli della trattativa nella speranza che, se lo augurano i sostenitori del diavolo, questo comporti la salvezza del sodalizio abruzzese.
Polverino avrebbe però posto una condizione indispensabile per l'acquisto del Teramo, ossia la gestione o la proprietà del nuovo stadio di Piano D'Accio, una struttura sportiva all'avanguardia per un club di serie C.
Le entrate economiche di un club di quarta serie, non a caso, sono minime e la gestione pubblicitaria dello stadio sarebbe fondamentale per portare denaro fresco nelle casse della società.
La palla a questo punto passa nelle mani del sindaco di Teramo, chiamato ad una difficile risposta. In ballo però c'è il futuro calcistico della città, che sarebbe costretta a ripartire da zero.
La sensazione comunque, maturata in questi ultime settimane difficili, è quella che al momento l'imprenditore campano rappresenta davvero l'unica alternativa al temuto fallimento del club. Il tempo è stretto ed ormai manca poco per evitare di portare i libri contabili della società in tribunale. Da sistemare ci sono tutte quelle incombenze circa l'iscrizione al prossimo campionato di C. In primis l'ottenimento delle liberatorie firmate dai calciatori dell'ultima stagione ed in secondo luogo il pagamento dei debiti del club.

GIULIANOVA. In attesa di buone nuove riguardo l'ingresso di nuovi soci in società, comincia a muoversi il mercato in casa Giulianova. Nei giorni scorsi infatti è stato completato l'acquisto a titolo definitivo di Ernesto Cichella dall'Hatria, elemento abile a giocare perlopiù sull'esterno. Il calciatore ha indossato anche le maglie della Val Di Sangro e del Lanciano ed è cresciuto nelle giovanili del Pescara.
Ovviamente questo non sarà l'unico colpo in entrata del club di Sabatini. A tal proposito girano diversi nomi interessanti tutti concentrati perlopiù sul reparto offensivo. Chiaro l'obiettivo di far fare il salto di qualità all'attuale rosa. Dato per scontato l'accordo con il Pescara per Paponetti e Vellucci, per il primo rinnovo della comproprietà mentre per l'esterno cessione da parte del sodalizio biancazzurro della metà del cartellino, diversi sono i nomi sul taccuino degli operatori di mercato giuliesi. Il sogno è quello di confermare Campagnacci, ma appare assai difficile o addirittura quasi impossibile trattenere anche solo in prestito la forte punta. Il Perugia non a caso, proprietaria dell'intero cartellino del giocatore, vuol puntare su di lui in vista del prossimo campionato di C1, o quantomeno sarebbe disposta alla cessione solo dietro lauto compenso. Altra pista poco percorribile è quella di Giglio della Lucchese, il quale possiede un ingaggio troppo elevato per gli standard della serie C2.
Più verosimile la trattativa per Bettini, ormai in rotta con la Valle Del Giovenco.
Per gli altri reparti, poi, oltre alla conferma di numerosi elementi attualmente sotto contratto si pensa a qualche prestito di valore proveniente dalla primavera del Pescara.
È atteso infine nei prossimi giorni l'incontro decisivo tra la società ed il tecnico Bitetto. Le parti sono ormai d'accordo su tutto ed a breve verrà dato l'annuncio ufficiale del prolungamento dell'accordo. Bitetto, dopo l'ottimo campionato appena concluso, rappresenta la soluzione ideale per il Giulianova.

Andrea Sacchini 18/06/2008