Panchine. Lanciano: il favorito è Di Francesco. Vdg tra Baroni e Sergio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1150



LANCIANO. Sfumata ormai definitivamente l'ipotesi Cetteo Di Mascio, che dopo lunghi tentennamenti ha deciso di rimanere a Pescara, spunta un nuovo nome sul taccuino del DG rossonero Franco Oddo.
Si tratta di Eusebio Di Francesco, vecchia gloria di Roma e Piacenza, che sarebbe entusiasta di intraprendere questa avventura sulla panchina del Lanciano. Di Francesco, che ha ricoperto nei mesi scorsi il ruolo di DS della Val Di Sangro prima di dimettersi dall'incarico, è attualmente sotto contratto con la Roma, dove un paio di stagioni fa ne è stato Team Manager.
Il club capitolino, ad ogni modo, non dovrebbe opporsi alla partenza dello stesso che, a questo punto, è in pole position per ricoprire il ruolo di nuovo allenatore del sodalizio abruzzese. Oddo comunque ha assicurato tempi brevi per scegliere il tecnico per la stagione 2008/2009.
La società frentana ha comunque espresso evidente malcontento per la mancata conclusione della trattativa con Cetteo Di Mascio, che solo un paio di giorni fa sembrava ad un passo dal Lanciano. Fortunatamente il tempo per rimediare è ampiamente sufficiente.
Riguardo il mercato, lo stesso avrà una forte accelerazione dopo l'ingaggio dell'allenatore. Fino ad allora si cercherà soprattutto di prolungare i contratti ai migliori elementi della rosa in scadenza. Su tutti Del Prete, Pisacane, Bolic ed il portiere Russo.
Infine riguardo la vicenda ripescaggio, la quale richiesta verrà inoltrata nei prossimi giorni, la dirigenza nelle persone di Valentina e Guglielmo Maio hanno completato il pagamento degli stipendi di marzo e aprile a tutti i calciatori, che hanno dunque firmato le liberatorie indispensabili all'iscrizione al prossimo campionato.

VALLE DEL GIOVENCO. Dopo la partenza di Cappellacci, la corsa per la panchina della Valle Del Giovenco è ristretta a due nomi. L'ex tecnico della primavera del Siena Marco Baroni e Raffaele Sergio, attuale allenatore dell'Aversa Normanna. Il primo, anche per lo stretto rapporto di collaborazione tra Valle Del Giovenco e Siena, appare nettamente in pole position, come confermato dal patron abruzzese Angeloni. La soluzione di Baroni, probabilmente, è la più adatta alla realtà biancoverde, anche in considerazione del fatto che diversi elementi della primavera senese si trasferiranno in Abruzzo con la formula del prestito.
Dal settore giovanile toscano è già arrivata la punta Prandelli, classe 1989, che certamente non sarà l'unico. In cima ai desideri del club abruzzese ci sarebbe Packer, quest'anno in C1 con il Pescara. A loro ed altri cinque sei giovani calciatori si aggiungeranno gli elementi già sotto contratto. Dei titolari, tra gli altri, rimarranno il portiere Mandrelli, Berra, La Fortezza, Di Pasquale, Arcamone e Laboragine. Su di loro verrà costruita la Valle Del Giovenco che proverà a ripetere l'ottimo campionato dell'ultima stagione.
Dell'attuale rosa, perso Sansone ceduto al Siena e quasi sfumato l'accordo per il prolungamento di Bettini che probabilmente si accaserà al Giulianova, la Valle Del Giovenco cercherà di rinnovare i contratti dei propri giocatori in scadenza. De Angelis e Stroffolino su tutti.
Riguardo il cambio di denominazione presso la Lega, da Pescina Valle Del Giovenco ad Avezzano Valle Del Giovenco, novità importanti sono attese dopo il 30 di giugno. Fino ad allora il nome sarà quello usato in questa stagione.

Andrea Sacchini 18/06/2008