Pescara calcio. Il mercato può partire dagli svincolati ex Foggia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2598


PESCARA. Con l'ingaggio ufficiale di Galderisi sulla panchina del Pescara, può davvero iniziare la fase vera e propria del mercato estivo.
Sicuramente Carmine Gentile lavorerà fianco a fianco con il neo tecnico biancazzurro, che dai primi colloqui con il DS ha comunicato le proprie preferenze su eventuali acquisti. Già nella conferenza stampa di presentazione, Galderisi aveva espresso il suo personale gradimento per tanti giocatori attualmente in forza al Foggia. Lo stesso, senza nascondersi troppo, aveva chiaramente fatto intendere che in molti l'avrebbero seguito con entusiasmo nell'avventura pescarese.
Molto gradito a Galderisi è il centrocampista Coletti, ma bisognerà valutare attentamente la possibilità di arrivare al centrocampista che, è giusto ricordarlo, è sotto contratto con il club pugliese. Difficile arrivare anche alla punta Biancolino, sotto contratto con il Messina, che chiede una cifra non indifferente per la sua cessione.
Su indicazione dello stesso Galderisi, il DS Gentile sembra avere tutta l'intenzione di muoversi sul mercato degli svincolati, che annovera tantissimi giocatori che hanno militato con il neo tecnico biancazzurro nella sua passata esperienza a Foggia.

LA DIFESA

Per la difesa, senza contratto, ci sarebbero Ignoffo e Russo. Uno dei due approderebbe in riva all'Adriatico per completare il pacchetto arretrato. Nel caso invece che Romito non dovesse essere riscattato dal Napoli, eventualità possibile dato l'interessamento di diversi club di serie B per il centrale, potrebbero anche arrivare entrambi.
Difficile invece l'arrivo dell'ex Nicola Mora, che potrebbe giungere solo in caso di cessione di Vitale, corteggiato da Napoli e Catania.
Tutto ok invece per quanto riguarda i portieri. Il primo ovviamente sarà Indiveri mentre il ruolo di secondo verrà affidato a Prisco. Completerà il reparto un giovane della Primavera, con Aridità e Bartoletti destinati all'addio.

IL CENTROCAMPO

Per quanto riguarda il centrocampo, il Pescara dovrà coprire le partenze molto probabili di Caracciolo e Fortunato. Entrambi hanno parecchi estimatori in serie C1. Anche in questo caso potrebbero giungere un paio di elementi senza contratto, già allenati da Galderisi. Si tratta di Colombaretti, Giordano e Mancino. Tutti e tre sono stati impiegati con continuità nell'ultima stagione.
L'ex Tisci invece, che piace al neo tecnico biancazzurro, sembra vicino al rinnovo con i satanelli.
Al posto di Micco invece, al quale non è stato proposto il rinnovo di contratto, la trattativa con il Gallipoli per l'acquisizione di Correa è apertissima. Il giocatore ha comunque già fatto sapere che gradirebbe il trasferimento in Abruzzo. Allo stato attuale delle cose, sembra più facile arrivare a Correa che a Coletti, anche quest'ultimo abile a ricoprire ruoli di fascia sinistra.

L'ATTACCO

Qui sono le preoccupazioni maggiori. La trattativa con il Grosseto per Sansovini, infatti, passano i giorni ma stenta a decollare. Le difficoltà di arrivare al bomber, oggettivamente, sono tante. Dalla richiesta esosa del club toscano per la cessione della comproprietà al forte interessamento di diversi sodalizi di categoria superiore. In questo caso, la storia insegna, è difficile battere la concorrenza di un club di cadetto.
Il riscatto o meno di Sansovini, ovviamente, influirà parecchio le strategie del DS biancazzurro Gentile, sul suo taccuino sono entrati due ex foggiani in scadenza di contratto. Si tratta di Del Core e Biancone, per i quali l'ingaggio è tutt'altro che impossibile. Entrambi comunque potrebbero arrivare anche nel caso di conferma di Sansovini. Biancone in particolare, che evoca dolci ricordi ai sostenitori biancazzurri avendo fatto parte della rosa che ha conquistato la promozione in B nel 2002, è un pupillo di Galderisi. Alquanto difficile infine arrivare a Di Gennaro, conteso oltre che dal club di via Pertini anche da Pisa, Salernitana e soprattutto Reggina.

Andrea Sacchini 13/06/2008