I 4 moschettieri di Forsythe pronti al via

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

938

INDIANAPOLIS. Che Jerry Forsythe facesse sul serio non ne dubitava nessuno.
A fine d'anno aveva annunciato che a metà gennaio sarebbe andato in Messico per “scoprire” i driver necessari a sistemare il quadro partenti della Forsythe Championship Racing la cui guida e' affidata ai piloti Paul Tracy e Mario Dlominguez.
Il suo jet è già pronto ed il magnate annuncia i nomi ed i rispettivi sponsor del gruppo messicano capace di attrarre migliaia di connazionali alle due gare (Monterrey e Città del Messico).
Ma Jerry ha sorpreso, lo stesso suo general manager, V.Pres. Neil Mickewright, il quale cura da anni la carriera di Paul Tracy nella Champ car.
E cosi con Neil, il capo della serie monoposto Usa, ha annunciato di aver firmato i contratti con quattro giovani promesse che correranno nella serie Champcar Atlantic 2006.
«La Forsythe Racing vanta un passato storico con la Atlantic, per cui era importante agitare le acque dando il via agli acquisti e cessioni dei driver partecipanti alla Champ car Atlantic Championship presentata dalla Yokohama del Nord America», ha affermato il dirigente.
I quattro moschettieri di Forsythe hanno gia' un certo livello di esperienza acquisita, appunto nelle serie trampolino di lancio prossime ad intraprendere un campionato super.

Eccoli:



LEONARDO MAIA, americano,James Hinchcliffe, canadese, Richard Philippe, francese, e Andreas Wirth, tedesco.
Leonardo, 25 anni, sarà lo “statesmen” del gruppo. Nato in Brasile, emigrato giovanissimo in Usa, è campione della serie Dodge Cart 2003, e vincitore di una “scholarship”.
«Ho perso un anno di competizione per ragioni personali ma nel 2006 sento di poter ripagare la fiducia espressa da Mr.Forsythe nei miei riguardi», ha detto Maia.



JAMES HINCHCLIFFE, 19 anni, nel 2005 concluse terzo nel campionato Star Mazda e secondo nella formula BMW Usa (rookie of the year nel 2004).
«Gli incentivi posti sul piatto dagli organizzatori (Forsythe-Kalkhoven) ed I 2 milioni a fine d'anno frusteranno i team della serie più attraente per un grande numero di giovani aspiranti a far parte della serie, ed io sono onorato di farne parte»


 



RICHARD PHILIPPE 16 anni, fratello di Nelson, da tre anni nella serie Champ car e' il piu giovane pilota che abbia mai vinto il noto evento SKUSA 125cc shifter kart, per poi portar via il titolo nella Formula BMW Usa.
Philip e' sicuro di poter effettuare con successo il suo primo campionato nella serie Atlantic, poiché apparteniamo ad un team (Forsythe) deciso a vincere sempre.



ANDREAS WIRTH 21 anni. Secondo nella serie Atlantic 2005 non pote' realizzare in pieno il successo per un incidente che lo tenne, lontano per due gare.
«E un campionato bellissimo, poiché nessuno dei concorrenti conosce la nuova macchina, inoltre per l' interesse di un congruo numero di aspiranti di mezzo mondo, la serie diventa internazionale. Senza dubbio la Champ car Atlantic serie sara' competitiva, ed avvincente, per piloti e per sponsors. Sono pronto a partire. Sembra lontana una eternità la data del 7/9 aprile di Long Beach, che dara' il via al campionato composto di 12 tappe».
Un grosso interrogativo regna nelle file “minori”. La coraggiosa e grintosa Katherine Legge, che, proprio a Long Beach lo scorso anno vinse la sua prima gara,concludendo con onore il titolo, tornerà a correre nella Atlantic, o entrerà a far parte del team PKV di Kevin Kalkhoven, come si vocifera con insistenza?

L'antagonismo la decisione, la volontà di vincere non mancano. Quanti saranno i piloti iscritti al campionato. Forsythe parla di una ventina.
Ed e' già una cifra di riguardo….
Lino Manocchia 13/01/2006 14.11