C2/C. Nell'andata dei play-off, Celano-Valle Del Giovenco 2-1

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

973


CELANO. Termina 2-1 per il Celano sulla Valle Del Giovenco l'andata della semifinale play-off per la promozione in serie C1.
È stato un derby marsicano corretto sia dentro sia fuori dal campo, con entrambe le tifoserie che hanno tenuto un comportamento esemplare prima, durante e dopo il match.
Il Celano, evidentemente più motivato e determinato dell'avversario, vince con merito mettendo in campo un'aggressività certamente superiore al Pescina.
Dal canto suo la Valle Del Giovenco, pur giocando una buona partita, ha confermato di attraversare un momento di forma negativo che si protrae ormai dalle ultime otto giornate del torneo regolare.
Avvio di gara equilibrato con i due portieri, De Felice per i padroni di casa e per gli ospiti Mandrelli, protagonisti di un paio di difficili interventi.
Al 18esimo è il Celano a passare in vantaggio.
Villa dalla destra crossa basso per l'inserimento di Negro che viene anticipato dall'estremo difensore biancoverde, ma l'azione non finisce in quanto la sfera termina di rimpallo sui piedi di Dionisi appena fuori l'area di rigore, che di destro piazza il pallone all'incrocio dei pali.
Reagisce dopo pochi minuti la Valle Del Giovenco con una girata imprecisa della punta Di Pasquale su assist dalla sinistra di Arcamone. Al decimo minuto ingenuità di De Felice che, fuori area, blocca con le mani un pallone lanciato lungo dalla retroguardia ospite. L'arbitro però grazia il portiere celanese concedendo la punizione dal limite ed il semplice giallo al giocatore. Sulla seguente punizione Giordano trova pronto lo stesso De Felice che blocca a terra.
Alla metà della prima frazione di gioco botta e risposta Pescina-Celano. Per la Valle Laboragine trova il corridoio giusto per l'inserimento di Sansone che costringe De Felice in uscita agli straordinari. Sul fronte biancazzurro Negro lavora in area un bel pallone per Dionisi che però, questa volta, non da forza e precisione al pallone come in occasione del vantaggio.
Al 28esimo ospiti ad un passo dal pari con Di Pasquale che solo davanti al portiere celanese sparacchia centrale. Passano cinque minuti e Mignogna dopo un'azione confusa in area sfiora in raddoppio con un sinistro al volo dai venti metri che Mandrelli alza in corner.
Al 43esimo la Valle Del Giovenco perviene al pareggio su rigore. Su azione di contropiede Morgante atterra in area Arcamone. Penalty perfetto di Di Pasquale che consente ai suoi di tornare in parità.
Nella ripresa, in avvio, Celano insidioso con una punizione dai 25 metri di Zanon e con un'azione di rimessa finalizzata in malo modo da Dionisi. Al decimo Laboragine per il Pescina trova pronto De Felice in due tempi.
Quando il match sembrava indirizzato sui binari del pareggio, il punto del definitivo 2-1 del Celano. Magistrale lancio col contagiri di Giannusa per il neo entrato Barraco che al volo, appena fuori l'area di rigore, prende in contropiede l'intera difesa biancoverde spedendo la sfera alle spalle dell'incolpevole Mandrelli.
Il tecnico del Celano, seguendo i canoni del 4-3-3, ha scelto il seguente undici titolare: De Felice, Zanon, De Maiò, Morgante, Bacchi, Gr. Villa, Giannusa, Gadau, Mignogna, Dionisi, Negro. Durante il match sono entrati Barraco, Lo Coco e Del Grosso.
Per contro Cappellacci ha disegnato il suo Pescina con il classico 4-4-2: Mandrelli, Celli, Lonardo, Filippi, Silvestri, Sansone, Giordano, La Fortezza, Laboragine, Arcamone, Di Pasquale. In corso d'opera hanno fatto il loro ingresso in campo Censori e Paris.
Sugli spalti del Piccone era presente anche il tecnico Zdenek Zeman, grande amico del suo “allievo” Modica.
Il plauso va fatto ad entrambe le compagini, che hanno dato vita ad un derby marsicano intenso e ricco di occasioni da rete. Dispiace che una delle due dovrà abbandonare il discorso promozione in quanto, obbiettivamente, entrambe avrebbero meritato di affrontarsi in finale.
Spettacolo in campo ma anche sugli spalti, dove il Piccone ha registrato in tutto esaurito con numerosa presenza anche ospite.
Dopo il 2-1 maturato oggi (ieri per chi legge, ndr), la semifinale è aperta ancora ad ogni epilogo. Il Celano per raggiungere la finale play-off ha ora due risultati su tre. Agli uomini di Modica, infatti, basterà non perdere domenica allo Stadio Dei Marsi per passare il turno mentre alla Valle De Giovenco, in virtù del miglior piazzamento in campionato, basterà vincere con qualsiasi scarto nel return match. Pronostico apertissimo dunque, con ancora il 50% di possibilità per entrambe le compagini marsicane.
Nell'altra semifinale play-off della C2 girone C pari e patta, 1-1, tra Vigor Lamezia e Real Marcianise.

Andrea Sacchini 19/05/2008