Il Pescara tra calciomercato e rinnovi contrattuali

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1112

PESCARA. Dopo l'incontro informale di ieri potrebbe essere oggi il giorno decisivo del prolungamento del contratto di Franco Lerda. Negli ultimi due giorni le due parti hanno trovato qualche piccola difficoltà soprattutto sulla durata dell'accordo, ma alla fine non dovrebbero esserci particolari problemi. Franco Lerda dunque, a meno di incredibili colpi di scena, sederà anche l'anno prossimo sulla panchina del Pescara, rinunciando alle lusinghe di altri club in prima fila il Rimini.
Risolto il nodo allenatore entro questa settimana al massimo, DS Gentile e società potranno tuffarsi con forza sul rafforzamento della già competitiva rosa. L'obiettivo dichiarato per la stagione 2008/2009, inutile nascondersi, è quello di lottare per vincere il campionato. Le premesse per far ciò ci sono tutte, dalla continuità del progetto tecnico con la conferma dell'allenatore e della maggior parte dei giocatori attuali, alla voglia di fare qualcosa di importante da parte del gruppo Soglia, Francesco in primis.
È vicina nel frattempo alla felice conclusione la trattativa che riguarda Romito, la cui forte volontà è quella di restare in maglia biancazzurra. Resta da trovare solo l'accordo finale con il Napoli, che non dovrebbe opporre particolari resistenze alla sua cessione a titolo definitivo.
Tornando al mercato, dopo Lerda saranno messe al vaglio le posizioni di diversi giocatori biancazzurri in scadenza di contratto. Micco secondo le ultime indiscrezioni non dovrebbe restare ma appare difficile pensare che la società, dopo la conferma di gran parte dei titolari, non prolunghi il contratto anche all'ex esterno sinistro di Lanciano e Pro Sesto, che ben si à comportato in questa stagione.
Per quanto riguarda gli altri, con Turchi, in scadenza con il Padova, non dovrebbero esserci difficoltà sia per volontà della società sia soprattutto per quella del giocatore, che in riva all'Adriatico ha superato le tante difficoltà incontrate negli ultimi anni in altre piazze, garantendo un rendimento ottimo e continuo.
Diliso, di proprietà dell'Avellino fino a giugno 2009, potrebbe rimanere, ma molto dipenderà dalla reale volontà di trattenerlo da parte del sodalizio di via Pertini. L'Avellino infatti, considerata anche l'età non più giovanissima del calciatore, non dovrebbe opporre più di tante resistenze alla partenza a titolo gratuito del terzino destro.

RIVOLUZIONE ATTACCO

A meno di sorprese il reparto offensivo per forza di cose dovrebbe essere rivoluzionato a partire dal primo di luglio. L'unico che ha chance concrete di restare in biancazzurro dei quattro attaccanti attualmente a disposizione è Sansovini. La posizione del bomber però, come è noto da diverse settimane, è delicata. Il Grosseto proprietaria del cartellino chiede oltre mezzo milione di euro e a queste cifre difficilmente il sodalizio adriatico potrà venire incontro alle richieste di quello grossetano. Nella trattativa potrebbe anche essere messa una contropartita tecnica da parte del Pescara, ma quest'ultima ipotesi al momento appare poco percorribile per la grande volontà dei vertici societari di mantenere a se i prezzi pregiati della rosa.
Da Sansovini comunque la sensazione è che il Grosseto voglia capitalizzare al massimo dalla sua cessione. L'ottimo campionato del bomber, sedici centri stagionali, ha attirato le attenzioni di diversi club anche di categoria superiore. È certo comunque che Sansovini non resterà a Grosseto ed il Pescara cercherà in tutti i modi di far leva sulla forte volontà del calciatore di restare in riva all'Adriatico.
Delle altre punte, certamente partiranno il brasiliano Packer, Falomi, in prestito secco dall'Arezzo e Virdis, sul quale non verrà esercitato alcun diritto di riscatto.
Dai prestiti rientreranno Mazzella, Ciofani e Adriano, che con ogni probabilità verranno nuovamente ceduti in prestito. Paponetti, in comproprietà con il Giulianova, dovrebbe restare un'altra stagione nel club giallorosso.
Nikola Olivieri potrebbe essere infine girato in prestito a qualche sodalizio di C o restare a completare in reparto avanzato in aggiunta a due-tre nuovi innesti.

Andrea Sacchini 14/05/2008