C2/B. Per Teramo e Giulianova la salvezza è dietro l’angolo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

787



TERAMO. Domenica il Teramo ospita al nuovo stadio di Piano D'Accio il Bellaria, per mettere definitivamente la parola fine alla salvezza.
Al Teramo basta un punticino al cospetto di una compagine che, al termine dell'ultimo turno di campionato, ha visto definitivamente sfumare aritmeticamente ogni possibilità di agganciare la zona play-off. Per il Bellaria è stato decisivo il capitombolo interno 2-3 con il Portogruaro.
Gara molto nervosa per la quale, questo interessa positivamente da vicino il Teramo, il giudice sportivo ha squalificato i calciatori biancazzurri Brighi, Lagnese e Zanardo.
I primi due addirittura espulsi. Squalifica, di due turni, anche per l'allenatore Ceccarelli.
Con l'obiettivo play-off sfumato per gli emiliani, la differenza di motivazioni tra le due compagini dovrebbe essere netta, con il Bellaria che si presenterà in Abruzzo molto probabilmente svuotato a livello mentale.
Il tecnico dei bellariesi, da questo punto di vista, pare intenzionato a schierare dal primo minuto diversi giovani elementi del vivaio che fino ad ora hanno trovato poco spazio in campionato.
Per quanto riguarda la penalizzazione, il Teramo in vista di quest'oggi non ha presentato alcun ricorso. Resteranno, ma si sapeva, due i punti di penalizzazione in classifica a carico del diavolo.
Le vicende societarie, infine, non hanno ancora trovato la felice conclusione.
Il passaggio di proprietà ufficiale tra Malavolta e Paoloni non c'è ancora stato. I prossimi giorni saranno cruciali, anche perché il Teramo nella peggiore delle ipotesi rischia addirittura un fallimento. Sarà importante agire in tempi rapidi e scongiurare ogni possibile pericolo per il futuro.

GIULIANOVA. Il Giulianova, tornato ieri ad allenarsi, è vicino alla salvezza. Manca soltanto l'ultimo sforzo domenica, 34esima giornata, in trasferta sul campo del già retrocesso Sansovino. Tra le pretendenti alla salvezza, quello dei giuliesi è forse sulla carta il compito meno arduo. Oltre all'evidente divario tecnico tra la compagine abruzzese e quella di Monte San Savino, a pendere probabilmente per il Giulianova dovrebbe essere la differenza di motivazioni. Il Sansovino è retrocesso domenica a seguito del pareggio a Viterbo, mentre ai giallorossi un successo sarebbe più che sufficiente per mantenere la categoria.
Detto ciò, però, non bisognerà assolutamente commettere il fatale errore di sottovalutare l'avversario che, ad ogni modo, vorrà degnamente onorare fino all'ultimo questo torneo di C2.
Per quanto riguarda gli infortuni, tornano pienamente disponibili D'Aniello e Paponetti. Quest'ultimo tra l'altro ha già giocato uno spezzone di partita domenica con il Prato. L'unico indisponibile dovrebbe essere Macrì, che ha concluso anticipatamente il proprio campionato. Sarebbe difficile vedere il giovane esterno d'attacco anche nell'eventualità di disputa dei play-out.
Per il resto, il tecnico Bitetto dovrebbe confermare a grandi linee lo stesso undici capace di battere al Fadini il Prato. L'unico dubbio riguarda il tridente offensivo, con Paponetti favorito su Melchiorri dal primo minuto al fianco di Gerbino Polo e Campagnacci.
A centrocampo conferme per Tatomir, Croce e Cichella. Gli ultimi due in particolare hanno dimostrato, non soltanto con il Prato, di attraversare un momento di forma eccezionale.
Per quanto riguarda la tifoseria giallorossa, in vista della trasferta di Monte San Savino, c'è da giurare che saranno in tanti a seguire la propria squadra del cuore. Secondo le prime stime potrebbero essere anche più di 200 e non sarebbe poco, considerata la distanza della trasferta in terra toscana. Lo stadio degli arancioblu contiene soltanto 2.500 spettatori, ma non dovrebbero esserci problemi a riservare ai tifosi del Giulianova quanti più tagliandi possibile.
Il tecnico dei toscani Fiorucci, dalla sua, opererà certamente un massiccio turnover. Verranno impiegati dal primo minuto diversi elementi del vivaio, con il chiaro intento di valutarli in una partita vera in previsione del prossimo campionato nazionale di serie D. Probabile spazio dunque per Battistelli, Ariodante e Daveri.
Il giudice sportivo infine, ieri, non ha squalificato nessun giocatore né del Giulianova né del Sansovino.

Andrea Sacchini 30/04/2008