Il Pescara domani a Gallipoli per il quinto successo di fila

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

855

GALLIPOLI. Per il Pescara si avvicina l'impegno più importante di una stagione, comunque vada, positiva.
Giovedì la squadra è partita alla volta della Puglia al fine di preparare al meglio la partita di domani con il Gallipoli. Oltre ciò la squadra, come farà anche oggi nel ritiro alle porte di Gallipoli, in questi ultimi giorni si è allenata soprattutto sul sintetico per ridurre al minimo i possibili disagi del diverso terreno del Bianco rispetto quello della maggioranza dei campi italiani.
In tal senso, nelle dichiarazioni di questa settimana, in particolare Francesco Dettori ha messo in guardia i suoi dai pericoli del Bianco, ritenuto dal centrocampista ex Potenza campo ai limiti del regolamento in fatto di dimensioni e di fondo del terreno.
Sarebbe un errore grave, però, ridurre la difficoltà della trasferta a Gallipoli al solo campo da gioco. I pugliesi, infatti, sono una compagine di tutto rispetto, guidata da un allenatore esperto e dotata di giocatori che rappresentano un lusso per la categoria. Senza ombra di dubbio, per i tanti investimenti della società negli ultimi anni, il Gallipoli rappresenta una delle squadra dal tasso tecnico più elevato di tutta la categoria.
Per capirlo è sufficiente leggere la probabile formazione che affronterà il Pescara, nella quale brilla il tandem offensivo Ginestra-Di Gennaro.
Il Pescara però, dalla sua, oltre ad essere dotata anch'essa di una rosa tra le primissime della classe, attraversa un momento soprattutto mentale ideale. Le quattro vittorie conseguite con Martina, Massese, Crotone e Pistoiese hanno portato infatti la squadra ad un solo punto dai play-off, rafforzando nei giocatori una motivata convinzione nei propri mezzi. Il Pescara, risultati e prestazioni alla mano, è la squadra più in forma del campionato insieme al Taranto.
Una vittoria dei biancazzurri darebbe uno scossone non di poco conto alla classifica a tre giornate dalla fine del torneo. Per tale motivo l'occasione è ghiotta per far propri i tre punti e proseguire con la striscia positiva di risultati intrapresa con la gara vinta 3-0 in casa col Martina.
Anche un pareggio comunque, va detto, verrebbe ben accetto dal tecnico Franco Lerda. L'imperativo dunque è non perdere. Per fare ciò il Pescara deve scoprirsi grande anche in trasferta, il vero tallone di Achille di questo Pescara che lontano dall'Adriatico ha vinto soltanto tre volte.
In occasione dell'ultima partita esterna, il successo di Massa, malgrado con un po' di sofferenza nel secondo tempo la squadra aveva fatto registrare diversi punti in avanti. Questo fa ben sperare i tifosi ma per uscire indenni da Gallipoli, undici vittorie e quattro pareggi in quindici partite al Bianco, servirà certamente molto di più.

LA PROBABILE FORMAZIONE

Squadra che vince non si cambia e per tal motivo il tecnico Franco Lerda, a meno di sorprese dell'ultim'ora, dovrebbe dar fiducia allo stesso undici capace di battere 1-0 la Pistoiese nell'ultimo turno di campionato. L'unico ballottaggio, al momento, è tra Micco e Turchi con il primo leggermente in vantaggio. Per il resto gli unici indisponibili, che non sono stati neanche convocati per il mini ritiro in Puglia, sono Fortunato, colpito da una gastroenterite e la punta Virdis.
Indiveri in porta. Linea difensiva a quattro con la coppia Romito-Pomante nel mezzo, Giuliano a destra e Vitale terzino sinistro. A centrocampo fiducia al collaudato trio Ferraresi-Cardinale-Dettori, con quest'ultimo in posizione più avanzata che agirà a supporto dell'unica punta di ruolo Sansovini, appoggiata naturalmente da Micco o Turchi a sinistra e Felci sull'esterno destro.
Arbitra Omar Magno di Catania. Appuntamento domani alle 15.00 allo stadio Bianco.
I vendita dei tagliandi del settore riservato ai tifosi pescaresi terminerà questa sera alle ore 19.00 presso gli abituali punti vendita, consultabili sul sito ufficiale della Pescara calcio.

Andrea Sacchini 12/04/2008