Basket. Siviglia nella tana della Snaidero Udine

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1001


TERAMO. La dodicesima giornata di ritorno del Campionato di Serie A TIM ropone, per il Siviglia Wear Teramo, la difficile trasferta sul parquet del PalaCarnera, ospite della Snaidero Udine, che appaia i biancorossi in classifica a quota 24 punti.
Il match, valido quale posticipo televisivo, si giocherà domenica sera, 30 marzo (“palla a due” ore 21).
Per la compagine aprutina si tratta della terza trasferta consecutiva stagionale che si disputa davanti alle telecamere di Sky Sport 2: in precedenza un successo (a Biella) ed una sconfitta (a Scafati).

SNAIDERO UDINE

Il team friulano è squadra molto esperta, che in questa stagione ha vinto in otto occasioni al PalaCarnera (contro Scavolini, Upim, Legea, Benetton, Tisettanta, Cimberio, Pierrel e La Fortezza), lasciando l'intera posta agli avversari sei volte.
L'ex Cesare Pancotto, decano degli allenatori in Serie A, che festeggerà proprio contro una sua ex squadra le 100 partite nella massima serie da head coach della Snaidero, può contare su un roster composto da atleti di valore, con un pedigree di assoluto livello: l'intelligenza tattica di Jerome Allen a dettare il ritmo, la straordinaria pericolosità dall'arco dell'ex Lakers Mike Penberthy - autentico tiratore di striscia – e del teutonico Sven Schultze – quarto giocatore del Campionato nella specifica graduatoria da tre con il 44.5% - l'esperienza di Nikos Vetoulas, anche lui a meno uno da quota 100 gettoni in A (tutti con la canotta udinese), l'atletismo di Nate Green, la presenza sotto le plance dell'altro ex Brooks Sales e di Christian Di Giuliomaria e l'interessante linea verde composta dall'ala Joel Zacchetti e dalla guardia Michele Antonutti
Gli arancioni provengono dalla sconfitta esterna di Milano (95-86) maturata con l'Armani Jeans, in cui non sono bastati i 26 punti siglati da Allen per uscire imbattuti.

SIVIGLIA WEAR TERAMO

Dopo l'ennesima settimana resa difficile per i tanti problemi accusati, a turno, da diversi giocatori, in casa biancorossa si guarda comunque in modo positivo al prossimo, difficile, impegno in terra friulana.
L'obiettivo è quello di reagire prontamente alla sconfitta interna di misura patita con l'Air, per riprendere la marcia e tornare al successo in esterna a distanza di due settimane dall'exploit di Biella, dopo le precedenti vittorie conquistate sempre nel Nord, con Milano, Cantù e Varese.
Nessun traguardo è stato ancora tagliato dalla compagine teramana, che necessita ancora di qualche vittoria per mettersi al sicuro in classifica.
L'opinione del coach del Siviglia Wear Teramo, Massimo Bianchi:«Dobbiamo vincere per una serie di motivi. In primis perché non abbiamo ancora la certezza matematica della salvezza, poi perché vogliamo terminare bene il Campionato. Affrontiamo questa partita con grandi motivazioni, e vogliamo ottenere due punti importanti anche per superare Udine in classifica e aggiungere un altro tassello verso il raggiungimento dell'obiettivo stagionale. Sarà un match duro in cui dovremo giocare per 40 minuti con grande intensità e concentrazione. Sappiamo che la Snaidero è un team molto esperto, che soprattutto tra le mura amiche sa esaltarsi, ben allenata da un tecnico molto esperto, decisamente pericolosa sugli esterni e che ha in Allen il vero leader carismatico. Noi dovremo evitare cali di concentrazione, fermo restando che in ogni match ci sono momenti in cui puoi andare in difficoltà, restando fisicamente e mentalmente aggressivi, cercando di giocare la pallacanestro a noi più congeniale con grande continuità».
Gara particolare per Brandon Brown, a meno 17 da quota 1000 punti in Serie A in 78 gare disputate.

ULTIM'ORA

Nelle fila abruzzesi sono ancora tanti i dubbi per lo staff tecnico, alle prese con diversi giocatori con uno stato di salute precario, tra Carra, Poeta e Migliori; soltanto qualche seduta sulle gambe per Hassan Adams, dopo il virus intestinale che lo ha colpito in settimana.
In più Coach Bianchi dovrà scegliere chi mandare in tribuna tra Adams, Brown, Devin Green, Powell e Tskitishvili: tutto è rimandato a poche ore dall'inizio dell'incontro.
Anche in casa udinese c'è il dubbio legato all'utilizzo del quarto extracomunitario, tra Nate Green, Kyle Hill (arrivato a metà febbraio, sarebbe il debutto quest'anno per lui) e Mike Penberthy, quest'ultimo allenatosi poco in settimana per il riacutizzarsi della periostite alla gamba sinistra, a causa di una botta presa martedì alla ripresa degli allenamenti.

EX E PRECEDENTI

Decima sfida diretta tra i due club nella massima serie. Al momento il bilancio sorride alla società aprutina, che guida per cinque successi contro i quattro dei friulani, l'ultimo dei quali conseguito nel girone di andata al PalaScapriano con il punteggio finale di 99-86, mentre l'ultimo exploit al PalaCarnera è datato 13 marzo 2005, quando l'allora Navigo.it s'impose per 91-95 (24 punti di Tyson Wheeler).
Anche nella differenza punti leggera prevalenza biancorossa, con 813 punti fatti a fronte dei 793 subiti.
Ben tre, invece, gli ex presenti sul parquet, tutti di sponda udinese: i coaches Cesare Pancotto e Stefano Comuzzo ed il centro statunitense Brooks Sales (tutti e tre a Teramo nella stagione 2004/05).

I FISCHIETTI

Per l'incontro Snaidero Udine - Siviglia Wear Teramo, sono stati designati gli arbitri:
- Guerrino CEREBUCH di Trieste;
- Massimiliano DURANTI di Pisa;
- Stefano URSI di Livorno

29/03/2008 11.45