Pescara calcio. Simone Felci parla di arbitri e del rovescio di Arezzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

771



PESCARA. Oggi alle 14.30 al campo Vestina di Montesilvano sono ripresi gli allenamenti del Pescara dopo la settimana di riposo del torneo.
La sconfitta con l'Arezzo nell'ultimo turno di campionato quattordici giorni fa, anche se ha relativamente allontanato i biancazzurri dalla zona play-off, non ha fiaccato l'ambiente pescarese. In Toscana il Pescara, troppo contratto ed inesistente nel primo tempo, ha fatto un parziale passo indietro rispetto le buone prestazioni delle giornate precedenti, malgrado un secondo tempo discretamente giocato. Attenuante non di poco conto, però, è stato sicuramente l'arbitraggio mediocre della terna arbitrale.
L'ennesima direzione di gara che, a conti fatti, ha danneggiato la prestazione degli adriatici. Oltre a concedere un inesistente rigore agli aretini per trattenuta lieve di Pomante nei confronti di un avversario, ad una manciata di minuti dal termine della contesa è stata annullata la rete del pareggio biancazzurro su fuorigioco assolutamente inventato su Ferraresi, abile e rapido a ribadire in acrobazia un pallone non trattenuto da Marconato.
Da inizio campionato, dunque, il Pescara sta pagando troppo a caro prezzo gli errori delle varie terne arbitrali che si sono succedute alla direzione delle partite degli abruzzesi.
Lasciati da parte errori arbitrali e demeriti della squadra, all'orizzonte c'è la decisiva partita di Perugia, per molti ritenuta l'ultima spiaggia per agganciare il treno degli spareggi promozione.
Ai sostenitori del delfino sono stati riservati 2.500 tagliandi di settore ospiti. Facile prevedere che non saranno venduti tutti, ma la speranza è di riuscire a staccare 1.000/1.500 biglietti.
La passione ed il calore del pubblico di Pescara, non a caso, è conosciuta oltre i confini abruzzesi.
La presenza di un massiccio pubblico in trasferta, inoltre, sarebbe una spinta in più per la squadra al fine di ottenere un buon risultato in terra Umbra.

La sosta di campionato, da questo punto di vista, potrebbe risultare salutare per il gruppo che in questi giorni, come chiarisce il centrocampista biancazzurro Simone Felci, che ha analizzato le cause della sconfitta: «abbiamo parlato tra di noi e con il tecnico della sconfitta di Arezzo, analizzando tutte quelle situazioni che ci hanno portato alla sconfitta».
Cosa non è andato lo spiega senza troppi giri di parole il giovane esterno prodotto del florido vivaio biancazzurro: «abbiamo sbagliato l'approccio alla partita. Dopo un buon periodo non ci voleva. Nel primo tempo siamo stati troppo contratti e non abbiamo accorciato bene a centrocampo. Siamo stati poco brillanti ed abbiamo sofferto molto il gioco dell'Arezzo nella prima frazione di gioco».
Nella ripresa le cose sono migliorate ma non è bastato per riportare a casa un punto prezioso: «nella ripresa abbiamo alzato un po' il baricentro e creato di conseguenza alcuni pericoli alla porta aretina. Pur non disputando una partita ai nostri livelli, sicuramente meritavamo almeno il pareggio.
Peccato nel secondo tempo siamo entrati maggiormente convinti ma non siamo riusciti a realizzare l'uno a uno, o meglio...».
Il riferimento, piuttosto evidente, è alla rete annullata ingiustamente a Ferraresi a pochi minuti dalla fine: «era chiaro che il gol di Fabio era regolare. Poi dalle immagini televisive è apparso nettissimo. Ma non è soltanto quello. Non mi riferisco neanche al rigore che non c'era dato all'Arezzo. L'arbitro è un uomo e può sbagliare come tutti, ma ciò che non ci è andato giù è l'atteggiamento con il quale il direttore di gara ha arbitrato questo match. È stato indisponente per tutto il match. Noi in campo chiedevamo spiegazioni per alcuni episodi, ma lui ha avuto un atteggiamento indisponente e presuntuoso per tutti i novanta minuti di gioco. L'errore si può capire ma questo atteggiamento ci ha dato particolarmente fastidio».
Da inizio campionato, dati alla mano, gli errori ai danni del Pescara sono tanti, troppi. Felci si augura da questo punto di vista di invertire la rotta: «stiamo preparando la gara con il Perugia. Speriamo di non dover più commentare certi errori. Noi comunque da inizio campionato tutti i punti ed i buoni risultati li abbiamo acquisiti senza aiuti arbitrali, contando solo ed esclusivamente sulle nostra forze».

Andrea Sacchini 04/03/2008