Mondiali calcio a 5. E' iniziata l'avventura pescarese della nazionale azzurra

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

943

PESCARA. Ieri a Pescara primo allenamento ufficiale della nazionale italiana di calcio a 5, vice campione del mondo e d'Europa in carica, impegnata nel capoluogo adriatico dal 28 febbraio al 2 marzo nel torneo di qualificazione ai play-off mondiali. L'esordio giovedì 28 contro il Cipro alle 20.30 al nuovissimo palasport Giovanni Paolo II con ingresso gratuito.

A disposizione del ct Alessandro Nuccorini 17 calciatori:
Portieri: Farina (El Pozo Murcia), Feller (Alter Ego Luparense), Zaramello (Bisceglie);
Difensori: Fabiano Assad (Malwee), Nora (Alter Ego Luparense), Pellegrini (MRA Navarra);
Intermedi: Bertoni (Napoli), Duarte (Marca Tv), Forte (Icobit Montesilvano), Grana (Alter Ego Luparense), Jubanski (Alter Ego Luparense), Montovanelli (Alter Ego Luparense), Assis (Mostoles 2008);
Attaccanti: Foglia (Icobit Montesilvano), Vampeta (Alter Ego Luparense), Morgado (Icobit Montesilvano), Zanetti (Napoli).

A poche ore del debutto con i ciprioti lo stesso commissario tecnico sceglierà i 14 che parteciperanno alla fase di qualificazione vera e propria.
Alessandro Nuccorini, malgrado l'evidente divario tecnico tra la nazionale italiana e quelle di Cipro, Kazakistan e Andorra, mette in guardia i suoi dai potenziali pericoli delle avversarie: «le nostre avversarie non vanno affatto sottovalutate. Loro non hanno nulla da perdere, noi sì. Per questo, dovremo essere concentrati al massimo e giocare ai nostri livelli migliori fin dalla prima partita, per evitare brutte sorprese. Cipro, Kazakistan e Andorra sono Paesi in costante evoluzione, nel panorama del calcio a cinque internazionale, e perciò vanno affrontati con attenzione».
Il ct azzurro si sofferma anche sul possibile apporto positivo del pubblico abruzzese: «ricordo con piacere lo splendido sostegno che ci diede il pubblico abruzzese, che ci accolse meravigliosamente. Spero, anzi sono pressoché certo, che anche stavolta sarà così. Il calore degli appassionati e degli sportivi locali può darci una marcia in più per partire con il piede giusto in vista del Mondiale in programma in Brasile tra qualche mese (dal 30 settembre al 19 ottobre, ndr). Prima pensiamo a vincere il girone di qualificazione, poi penseremo anche al resto».
Delle tre gare di Pescara, ha parlato anche il portiere Alexandre Feller: «il passaggio del turno in questo girone di qualificazione è l'obiettivo minimo per noi. Abbiamo lavorato tanto e bene a Roma, nel raduno di preparazione della scorsa settimana, per farci trovare pronti all'appuntamento. Da giovedì si farà sul serio e vogliamo assolutamente conquistare il primo posto nel Girone».
Massimo rispetto per le avversarie: «io resto dell'idea che bisognerà avere massimo rispetto degli avversari, ma che comunque dipenderà da noi il superamento del turno. Se giochiamo come sappiamo, possiamo fare risultato contro tutte e tre le avversarie».

LE REGOLE DEL GIRONE

Si qualificano ai play-off soltanto le prime di ogni girone e le due migliori seconde. Le nazionali europee ammesse alla fase finale dei Mondiali 2008 sono sei.

GLI AZZURRI IN ABRUZZO

L'Abruzzo è una terra che, negli anni, ha sempre portato bene ai colori azzurri di calcio a 5.
Dal 7 Novembre 2003, infatti, l'Italia non è mai stata battuta sul suolo abruzzese ed ha conseguito sei vittorie su altrettanti incontri.
Montesilvano, inoltre, era stata scelta come sede per le gare del girone di qualificazione mondiale degli azzurri anche nell'anno 2003. Il raggruppamento, formato da Italia, Francia, Belgio e Finlandia, fu stravinto dagli azzurri, che batterono in serie i transalpini 8-0, i belgi 2-0 ed i finlandesi 12-0. Sempre a Montesilvano fu disputato il ritorno di play-off di qualificazione con L'Ungheria, sconfitta con un roboante 7-0.
A Chieti la nazionale ha disputato due amichevoli il 14 ed il 15 Novembre 2006, battendo per due volte la Croazia 6-1 e 7-1.

Andrea Sacchini 26/02/2008