Pescara calcio. Dopo Cardinale arriva anche Giuliano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1162


PESCARA. Dopo l'ufficializzazione qualche giorno fa dell'acquisto del centrocampista Cardinale, ieri il sodalizio di via Mazzarino ha annunciato un'altra importante operazione di mercato.
Dallo Spezia infatti giunge in prestito con diritto di riscatto il ventiseienne Ferdinando Giuliano, difensore di fascia destra sedici partite in B questa stagione con i liguri.
Per quanto riguarda il mercato in uscita, restano da definire diverse posizioni. Axel Vicentini, ceduto neanche tre settimane fa alla Sambenedettese, con il placet del sodalizio marchigiano è stato girato in prestito al Martina dell'ex Andrea Camplone.
In Puglia, l'esterno sinistro prodotto del florido vivaio pescarese avrà sicuramente maggiori opportunità di mettersi in mostra.
Sempre il Martina ha richiesto ufficialmente al Pescara i mediani Zappacosta e Leone, utilizzati con il contagocce da Franco Lerda.
Nel club pugliese potrebbero approdare inoltre anche Conti, in rotta con il tecnico Lerda e Diliso che, malgrado sia fortemente intenzionato a chiudere il campionato in biancazzurro, è chiuso nel suo ruolo dal neo arrivato Giuliano.
Possibile, ad ogni modo, che alla fine Diliso resti fino a giugno, considerata la penuria di esterni di difesa nell'attuale rosa adriatica.
Quasi definita la situazione che riguarda Fabrizio Caracciolo.
Il forte mediano, malgrado qualche incomprensione con l'attuale tecnico pescarese, è destinato a restare.
Incerto il futuro di altri elementi della rosa in esubero. Su tutti Fruci, M. Di Matteo, Paolucci e De Lucia. Su di loro è forte l'interessamento del Martina società con la quale il Pescara, negli ultimi giorni, ha aperto un canale privilegiato.
Sfumata infine la cessione di Luca Di Matteo alla Fiorentina in quanto le due società non hanno raggiunto l'accordo economico. Pare infatti che Corvino, il direttore sportivo viola, abbia formulato una offerta ufficiale ben lontana dalla richiesta del sodalizio adriatico. Di Matteo dunque resta a Pescara, a meno di sorprese dell'ultim'ora, con grande soddisfazione di Lerda che potrà così contare sul talentuoso esterno classe '88.
In entrata, il DS Gentile vaglia diverse ipotesi per quanto riguarda il ruolo di punta centrale. Con tutta probabilità, però, si attenderanno le ultime ore di mercato per piazzare il “grande” colpo. I papabili sono Ferraro, Margiotta, Capparella e Mazzeo, anche se gli ultimi due appaiono al momento molto lontani.

FRANCO LERDA SUL MOMENTO DEI BIANCAZZURRI

Il tecnico del Pescara Franco Lerda mette in guardia i suoi per la gara interna di domenica prossima con lo Juve Stabia: «lo Juve Stabia, eccezion fatta l'ultima partita, ha fatto bene in quest'ultimo periodo. Hanno un buon gruppo e dal mercato di gennaio si sono rinforzati. Certamente non sarà facile in quanto non affronteremo la stessa squadra dell'andata terminata tre a uno per noi».
Sul mercato, l'ex allenatore del Casale è categorico: «penso che a gennaio il calciomercato rappresenti una distrazione per i giocatori. Nello spogliatoio infatti in molti si chiedono se faranno o meno parte del gruppo e questo non è bene».
Dopo l'arrivo di Dettori, Visone e Virdis sono arrivati Giuliano e Cardinale. Su di loro Lerda esprime la sua opinione: «sono due elementi buoni con molta esperienza che si aggiungono ad un gruppo già valido. Sarà naturalmente poi il campo a dare il giudizio finale».
Su eventuali cessioni, il tecnico del Pescara smentisce ogni suo “coinvolgimento diretto”: «io non ho chiesto nessuna cessione. È compito della società pensare alle operazioni di mercato, io mi sono soltanto limitato a dare il mio parere. Sono un allenatore e guido il gruppo che la dirigenza mi mette a disposizione.
Sul caso Conti poi è stata la società a comunicarmi che per San Benedetto non potevo contare sul giocatore. È la società che deve parlare con il calciatore».
Malgrado la sconfitta di San Benedetto con il conseguente allontanamento della zona play-off, gli obiettivi del Pescara non cambiano: «siamo a sette punti dai play-off e può succedere di tutto da qui a fine campionato. Dobbiamo però pensare prima alla salvezza ragionando in maniera umile. Concentriamoci ora sullo Juve Stabia e lasciamo da parte il mercato e gli obiettivi finali».

NOTIZIARIO

Il Pescara, al campo Vestina di Montesilvano, è tornato ieri ad allenarsi in vista del match interno di domenica all'Adriatico contro lo Juve Stabia. Presente anche Cardinale. L'altro neo acquisto Giuliano farà oggi il suo primo allenamento con i nuovi compagni.
Ha partecipato all'intera seduta il difensore Marco Pomante, ormai pienamente recuperato dall'infortunio. Assenti il febbricitante Sansovini e Fortunato, uscito malconcio dalla gara di San Benedetto. Per lui si sospetta la frattura dello zigomo.
Per la gara di domenica contro lo Juve Stabia, intanto, mancheranno per squalifica Micco e Sansovini. Per la sostituzione dell'esterno in pole c'è Ferraresi, mentre in luogo di Sansovini il favorito numero uno è Virdis.
Per domani è prevista una doppia seduta di allenamento.

Andrea Sacchini 30/01/2008