L’Angolana promette il riscatto dopo la sconfitta di Campobasso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1105



CITTA' SANT'ANGELO – All'indomani della sconfitta contro il Campobasso la Renato Curi Angolana è tornata ad allenarsi con serietà e determinazione, consapevole di avere ancora tra le mani il primo posto, nonostante l'aver perso una ghiotta occasione per staccare le sue dirette avversarie.
Ma fare drammi, a questo punto, non serve a nulla.
Certo, è giusto fare un'analisi della situazione e vedere dove si è sbagliato, ma è molto importante continuare a seguire la strada intrapresa: «Sicuramente quello con il Campobasso di domenica scorsa – ha detto il presidente della Rc Angolana Gabriele Di Cristofaro – è stato un passo falso. Una giornata storta che può capitare. Un peccato perché avremmo potuto staccare sia i molisani che la Sangiustese, ma sono convinto che il riscatto arriverà presto ».
In fondo, presidente, sapevamo che questo girone non è affatto semplice, che non ci sono le cosiddette "squadre cuscinetto": «Questo campionato, lo abbiamo visto sin dall'inizio, è molto equilibrato; anche le squadre che sono nella parte bassa della classifica sono buone squadre che riescono a metterti in difficoltà. Credo che proprio per questo estremo equilibrio che regna tra le squadre di vertice alla fine avrà la meglio la squadra che sbaglierà di meno ».
E cosa ha avuto in più domenica scorso il Campobasso rispetto l'Angolana?
« Non si tratta di avere qualcosa in più. Siamo due squadre costruite per il salto di categoria, credo che ci sta mancando la cattiveria per vincere. Da parte nostra oltre a un'ottima rosa, abbiamo anche un tecnico di categoria superiore che sta lavorando bene e quindi credo che i risultati non mancheranno ».
Infondo, presidente siamo pur sempre primi in questo girone…
« Certo. Se facciamo un'analisi di questo girone di andata, la squadra ha rispecchiato le aspettative: siamo stati sempre nella parte alta della classifica. Abbiamo fatto un grandissimo girone di andata tolte un paio di gare ».
E per quanto riguarda il mercato?
« Prima di tutto ribadisco che abbiamo un ottimo organico; credo che comunque qualcosa si muoverà soprattutto per i fuoriquota e vedremo se ci sarà anche qualche svincolato che può fare al caso nostro».
Ma l'obiettivo che la società s'era prefissato è poi così lontano?
« Abbiamo tutte le carte in regola per fare bene. Anche il Comune ci è vicino e ci sta dando delle garanzie per il futuro. Vero è che con una società come la nostra fare il salto di categoria è plausibile, quanto necessario ».
Dunque tanta fiducia nell'ambiente e nei calciatori che certamente faranno di tutto per coronare il sogno di tutti (società – squadra e tifosi) di passare a fine stagione tra i professionisti.
Intanto giovedì la squadra allenata da Gentilini ha disputato una partitella amichevole in famiglia per preparare al meglio la gara di domenica contro la Maceratese, ultima gara del girone di andata

14/12/2007 8.51