Pallavolo. Galeno Chieti ancora senza PalaTricalle

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

985



CHIETI. Sessione di allenamento pomeridiano intensa per la Galeno Chieti, con il presidente Vincenzo Verna che ha assistito alle esercitazioni da bordo campo assieme all'infortunato Frangioni, quest'ultimo rimasto precauzionalmente fermo a causa di una contrattura muscolare.
Il presidente appare soddisfatto per quanto messo in mostra fino ad oggi dalla squadra.
«Sabato scorso», ha detto Verna, «abbiamo vinto una partita difficile, considerando lo stress dovuto al viaggio per raggiungere la Sardegna affrontato nella stessa giornata della partita ed il campo infuocato nel quale abbiamo giocato. Nonostante ciò siamo riusciti a portare a casa la vittoria, e di questo non posso che esserne felice. Certo, con la squadra al completo avremmo potuto vincere anche senza arrivare al quinto set, ma purtroppo Frangioni e Lapacciana hanno avuto problemi fisici per colpa dei quali il primo è stato condizionato nel rendimento ed il secondo è dovuto uscire dal campo anzitempo».
« Ho visto anche degli errori che si ripetono da tempo», ha chiarito il presidente, «come quelli di battuta che sono stati ancora una volta troppi. Spero dunque che gli allenamenti di questa settimana possano migliorare questo aspetto».
Tralasciando per un attimo l'aspetto tecnico, il presidente Verna esprime tutta la sua amarezza dovuta all'attuale gestione degli orari di allenamento delle squadre sportive che usufruiscono degli impianti sportivi teatini.
«Stiamo vivendo una situazione inaccettabile. Gli orari di allenamento della nostra squadra sono soggetti a continue limitazioni che stanno diventando intollerabili, per non parlare dei continui spostamenti da un impianto all'altro e dei tanti problemi che ci sono per potersi allenare in maniera efficace. All'inizio della stagione l'amministrazione comunale ci aveva promesso mari e monti, complice la previsione della riapertura del PalaTricalle che avrebbe potuto risolvere i problemi delle principali società sportive della città. Ad oggi invece la situazione è assai ben diversa: PalaTricalle ancora non disponibile, amministrazione assente, continui spostamenti che rendono un pò meno efficaci gli allenamenti e stato d'animo poco tranquillo da parte della nostra squadra. Le promesse fatte in estate non sono state mantenute pertanto, se l'attuale situazione non cambierà, a breve valuteremo una maniera più incisiva per manifestare tutto il nostro malumore». Infine il pensiero torna alla pallavolo giocata, più precisamente alla prossima avversaria della Galeno Chieti: «Penso che il Trasimeno sia una squadra ben strutturata, ma con gli infortuni e le sessioni di allenamento degli ultimi tempi la partita possa essere un pò più difficile. L'anno scorso il Trasimeno ha dimostrato di valere rimontando dal due a zero in nostro favore al due a tre. Ci aspetta dunque un incontro impegnativo».

09/11/2007 8.09