Basket, CariChieti beffata sulla sirena

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

970

SENIGALLIA. Mastica amaro la CariChieti che ha accarezzato concretamente l'idea di sbancare il palasport di Senigallia e ha perso 91-92. Gara emozionante giocata a viso aperto da ambo le parti, la formazione di coach Salvemini ha condotto le danze per quasi tutto l'incontro; poi, negli ultimi 15 minuti, il tecnico biancorosso ha dovuto fare i conti con una situazione falli che ha reso praticamente impossibile la gestione nel settore lunghi. A questo, bisogna aggiungere le grandissime "doti artistiche" espresse dal veterano Riccardo Esposito: l'ex lungo di Rieti, Treviso, Varese ed Avellino, nell'ultimo quarto ha sfoderato tutto il proprio repertorio portando gli arbitri a sanzionare anche i contatti più innocui, anche quelli inesistenti. Uno alla volta sono stati fatti fuori tutti i lunghi teatini tanto che la squadra ha concluso la partita con 5 piccoli in campo. Se Senigallia incamera due preziosissimi punti, il merito va all'MVP dell'incontro, ovvero Martinelli, e all'esperienza e alla furbizia di Esposito.
La cronaca degli ultimi attimi del match: a 20" dal termine, Mariani realizza 1 tiro libero su 2 portando la squadra in vantaggio sul 91 a 90; ancora 11" da giocare, Gnaccarini sbaglia dai tre metri, Martinelli, un "gigante" fra i piccoli biancorossi, recupera il rimbalzo e appoggia nel canestro teatino il pallone del definitvo sorpasso. La CariChieti esce a testa alta, con la convinzione di aver sfiorato il colpaccio sul campo di un'ottima avversaria. A fine gara animi surriscaldati: è Riccardo Esposito, nemmeno a dirlo, il bersaglio principale delle proteste teatine.

SENIGALLIA: Gnaccarini 14, Pierantoni 2, Bigi 13, Martinelli 27, Esposito 19, Maggiotto 10, Romagnoli 7, Candelaresi ne, Giacometti ne, Catalani ne. Coach: Simoncioni.

CARICHIETI: Leombroni 4, De Ambrosi 26, Angelucci 14, Macaro 11, Mariani 9, Radovanovic 4, Gori 13, Gialloreto 2, De Sanctis 12, Pasquini ne. Coach: Salvemini.

Arbitri: Di Cello di Bologna e Giancecchi di Rimini.
Parziali: 24-29, 45-49, 63-66, 92-91.
Note: spettatori 400 circa con oltre 50 sostenitori teatini. Cinque falli: Angelucci, Radovanovic, Gori, Maggiotto e Romagnoli.
15/10/2007 8.07