Pescara calcio. Soglia:«per me parleranno i fatti e i risultati sul campo»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

18569


PESCARA. Tanto entusiasmo, pochi proclami di difficile realizzazione. Parte così il nuovo corso Soglia, presentato stamane nell'aula San Cetteo del Comune di Pescara, gremitissima di giornalisti e fotografi. All'esterno della struttura poche decine di tifosi. Presenti, oltre naturalmente al sindaco D'Alfonso che ha fatto gli onori di casa, il direttore della Caripe Mancini, il neo presidente Gerardo Soglia, il fratello Francesco che ricopre da oggi la poltrona di vicepresidente, Gentile ed esponenti della giunta.



Nell'occasione, sono stati presentati anche i nuovi quadri dirigenziali.
Il cda, si sapeva, è composto da Gerardo e Francesco Soglia, da Russo, da Onesti e da Di Giacomo. Le novità sostanziali riguardano alcuni ruoli all'interno della società. Gentile è il nuovo direttore sportivo del Pescara. Prende il posto di Nucifora, che ha rescisso consensualmente il contratto con il club. Gentile, oltre ad essere stato un giocatore di buon livello, ha già ricoperto la carica di DS diverse stagioni fa nella Salernitana.
Le impressioni sono positive.
Nessuna promessa, nessun obiettivo impossibile, solo la convinzione di far bene con il lavoro ed il sacrificio.



«OGGI E' SAN CETTEO: CREDO IN QUESTE COINCIDENZE»

Ecco le prime parole rotte dall'emozione del neo patron del sodalizio di via Mazzarino: «sono emozionatissimo. Sono un appassionato di calcio e non ci ho pensato su due volte prima di accettare questa opportunità unica. Ringrazio il sindaco per l'accoglienza che mi ha fatto e dico grazie anche al direttore della Caripe Mancini. E' anche merito suo se la trattativa è stata chiusa felicemente. Devo dire grazie anche ai tifosi e all'ambiente pescarese che mi hanno accolto con tanto calore. Oggi è San Cetteo, è una coincidenza fortunata ed io credo in queste cose».
Gerardo Soglia continua, focalizzando l'attenzione su quello che sarà il futuro del club: «io nella mia esperienza da imprenditore sono sempre stato abituato a fare i fatti, a parlare con i risultati. Senza fare proclami ma lavorando duramente. So che ci saranno difficoltà. Guiderò l'azienda calcio come ho condotto tutte le altre imprese. Qui, è inutile sottolinearlo, a contare saranno soprattutto i risultati sportivi. La prima operazione della società sarà quella di definire con precisione tutti i ruoli all'interno della società. Attraverso la pianificazione, sono certo, qualunque risultato arriverà».

OBIETTIVO: RIPIANARE I DEBITI

Il nuovo presidente si sofferma sulle difficoltà finanziarie del club: «la situazione è molto critica per non dire disastrosa. Siamo già al lavoro per ripianare i debiti ed abbiamo già contattato tutti i creditori della Pescara calcio. Sarà difficile ma abbiamo tutte le intenzioni di far bene il nostro lavoro. I primi obiettivi sono quelli di ricostruire e riorganizzare il tutto».
Soglia chiarisce anche i futuri punti cardine del suo Pescara: «devo ancora valutare le capacità di tutti i collaboratori della società. Ho sentito parlare bene di Di Mascio ad esempio e so quanto ha fatto per il Pescara in questi anni. Gli unici punti fermi, comunque, saranno mio fratello Francesco e Gentile che occuperà il ruolo di DS. Francesco avrà pieni poteri quando io, spesso, sarò fuori per lavoro. Mi fido di queste persone perchè possiedono la mia stessa mentalità».

«DOMENICA TUTTI ALLO STADIO»

Conclusione dedicata ad i tifosi: «i tifosi si aspettano i risultati e nell'azienda calcio sono soprattutto i risultati sportivi quelli che contano. Li ringrazio per il
calore che mi hanno mostrato. Lancio un appello affinché domenica lo stadio sia pieno. Io ci sarò e mi piacerebbe vedere tanta gente sugli spalti dell'Adriatico. Pescara è una piazza calda me ne sono accorto subito. Lavoreremo duro perchè questa città è passionale e merita molto».
Qualche battuta anche per il nuovo DS Gentile: «sono altrettanto felice ed emozionato. Sono tranquillo e fiducioso in quanto so come lavora il gruppo Soglia. Ci siamo già dati da fare per tamponare le tante falle che c'erano in società per quanto concerne la cattiva gestione finanziaria del club. In questi primi due giorni abbiamo lavorato soprattutto sulle cifre. Questa è la priorità attuale. Ho assistito alla gara di lunedì col Taranto. La squadra è buona e ci sono ampi margini di miglioramento. I giocatori ed il tecnico possono stare tranquilli, hanno una società forte alle spalle».
A concludere anche l'investitura ufficiale di Soglia da parte del sindaco di Pescara Luciano D'Alfonso: «ringrazio di cuore Gerardo Soglia. Questa è una giornata di festa che coincide proprio con il nostro santo patrono. I tifosi abruzzesi e pescaresi possono stare tranquilli. La Pescara calcio ha trovato un imprenditore capace. Per la prima volta da tanti mesi a questa parte, ho visto una idea chiara. Lei (rivolgendosi a Gerardo Soglia, ndr) non sarà mai solo in questa avventura. Avrà una piazza calda che la sosterrà e qualora ci sarà bisogno anche l'amministrazione comunale non mancherà di darle il proprio aiuto. E' nata una nuova stagione sotto ottimi auspici».
Le premesse sono buone. L'entusiasmo del nuovo gruppo è tanto. Le speranze e le attese della piazza pescarese sono giustificate dai grandi risultati conseguiti dal gruppo Soglia nel campo imprenditoriale del turismo. Il destino ha fatto sì che la nuova proprietà sia stata presentata proprio oggi, il giorno di San Cetteo santo patrono di Pescara. Se il buongiorno si vede dal mattino, allora finalmente i sostenitori biancazzurri potranno dimenticare presto la sfortunata parentesi Pincione, la peggiore di tutta la storia settantennale della Pescara calcio.
Andrea Sacchini 10/10/2007 14.40