Calciomercato e società. Ecco cosa è successo in casa Pescara nell'ultimo mese

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1440



LE INFINITE QUESTIONI SOCIETARIE DEL PESCARA

Le evidenti difficoltà di Pincione nel portare avanti la propria mansione da patron del Pescara, hanno alimentato nell'ultimo mese numerose voci circa ulteriori ingressi in società o nuove cordate disposte a subentrare alla vecchia proprietà.
Ultime delle quali quella della Footbal Consulting Agency, rappresentata dagli imprenditori Donnacuo, Vidal e Vrenna, che sembrerebbe realmente interessata a rilevare l'intero pacchetto azionario del club. La trattativa per l'acquisto del club era stata iniziata da Philip Skoczek, emissario della stessa F.C.A, ma è stata smentita a più riprese dall'attuale presidente Max Pincione. Lo stesso ha anche confermato che la società non è in vendita. Di diverso tenore è il pensiero del vice Di Giacomo, che attende novità in merito e non smentisce nulla riguardo un eventuale avvicendamento societario ai vertici del sodalizio di via Mazzarino. Altre cordate farebbero riferimento ad imprenditori romagnoli e del Sud Italia. Nell'ultimo mese infine, lo ricordiamo, hanno lasciato il delfino il trio Galeone-Massara-Camplone, i due DS Iaconi e Bignone ed il capo ufficio stampa della Pescara calcio Pierfrancesco Visci.

IL NUOVO TECNICO

L'abbandono del trio Galeone-Camplone-Massara, come prevedibile, è stato alla base dell'ennesima diatriba all'interno dei vertici del sodalizio di via Mazzarino sul nome del nuovo tecnico del Pescara. Pincione spingeva per Franco Lerda, mentre il vicepresidente Claudio Di Giacomo caldeggiava il nome Cetteo Di Mascio, allenatore della primavera. Alla fine, ad averla vinta è stato il patron adriatico e sulla panchina biancazzurra, dallo sfortunato esordio in campionato di Potenza (0-4, ndr), siede Franco Lerda.

LA CHIUSURA DEL CALCIOMERCATO

Il mercato del Pescara si è chiuso con l'arrivo di undici giocatori, che si aggiungono all'ingaggio del mediano Luca Leone avvenuto i primi giorni di Agosto. Per il ruolo di portiere è stato scelto Giovanni Indiveri, classe 1974, ex di Pisa, Bari e Cesena. Per quanto riguarda il reparto difensivo si registra il ritorno di Di Liso, in biancazzurro per alcuni mesi nella stagione 2005/2006, l'ingaggio del venticinquenne Tommaso Romito, prelevato in prestito dal Napoli e l'acquisizione a titolo definitivo di Christian Conti, classe 1987, che giunge dal Lanciano.
A centrocampo i volti nuovi portano il nome di Fortunato, svincolato dalla primavera della Roma, dell'esterno Micco, nell'ultima stagione a Lucca, del giovane Fabio Ferrarese prelevato a titolo definitivo dal Martina e dello svincolato Fabrizio Caracciolo. Quest'ultimo, tra l'altro, ha già indossato la casacca pescarese nel 2001. In attacco giungono in riva all'adriatico il giovane Luis Maria Alfageme, l'ultimo anno a Cremona e la punta centrale Marco Sansovini, da gennaio scorso tre reti in quattordici presenze con il Manfredonia, chiesto espressamente dall'attuale tecnico Franco Lerda. Dalla primavera del Siena giunge infine l'esterno offensivo sinistro Parker Douglas.
Dopo gli infiniti problemi societari e la mancanza pressoché assoluta di denaro, dunque, il DS Nucifora ha ingaggiato undici elementi, la maggioranza dei quali giovani. Di questi si dovrà verificare soprattutto la condizione atletica. In uscita si registra la cessione di Sembroni alla Sampdoria. Sempre per quanto riguarda le partenze, curiosi sono i casi di Vellucci e Fruci che pare abbiano rifiutato il prestito alla Val di Sangro e al Giulianova. Entrambi potrebbero essere messi fuori rosa.
A bocce ferme, le tante promesse di Pincione circa la costruzione di un organico competitivo sono purtroppo fallite. Allo stato attuale delle cose, l'unico obbiettivo possibile del Pescara sembrerebbe la salvezza.

LA QUESTIONE STADIO ADRIATICO

Lo stadio Adriatico, con l'avvicinarsi dei giochi del mediterraneo 2009, subirà come logico una piccola operazione di restyling. Con la definizione del piano di ristrutturazione si è deciso di chiudere al pubblico il settore Distinti, il primo che verrà interessato dai lavori di rifacimento dell'impianto. Come accaduto nel corso delle ultime stagioni, la Curva Sud sarà riservata alla tifoseria ospite. Da maggio lo stadio pescarese, inoltre, verrà chiuso ed eventuali play-off o play-out verrebbero disputati su campo neutro.

LE ACCUSE DI COMBINE IN VICENZA-PESCARA SOLLEVATE DA MAX PINCIONE

Nel corso di una nota trasmissione televisiva abruzzese, la settimana scorsa, il presidente Pincione aveva sollevato l'ipotesi di combine riguardo la gara Vicenza-Pescara dello scorso campionato. Queste le parole del patron: «in occasione di Vicenza Pescara dell'anno scorso, sono stato avvicinato da una persona che, in cambio di 20mila euro, avrebbe causato l'espulsione di un giocatore vicentino. Io, essendo una persona corretta, ho rifiutato ma noi abbiamo finito la partita in dieci a causa di un rosso ingiusto (espulsione ai danni di Aquilanti ingiustamente costretto a lasciare il campo per un inesistente fallo di mani, ndr)». Le parole di Pincione, come è logico che sia, hanno causato stupore ed indignazione a Vicenza. La società veneta, per bocca dei propri massimi dirigenti, ha smentito ogni forma di combine. L'ufficio indagini della FIGC, comunque, è già al lavoro per appurare eventuali irregolarità. Pincione, interpellato una seconda volta sull'argomento, ha risposto di non ricordare esattamente le parole da lui dette a riguardo.

LA COPPA ITALIA DI SERIE C

Il Pescara, non potendo disputare la consueta Coppa Italia riservata quest'anno alle compagini di serie A e B, è stata inserita nel girone N della Coppa Italia di C con Teramo, Giulianova, Sambenedettese e Sangiustese. I giovani biancazzurri hanno prima pareggiato 0-0 a Giulianova e poi hanno strappato un importante 1-1 sul difficile campo della Samb, grazie ad un bel gol di De Lucia. Il prossimo impegno del Pescara è mercoledì 5 settembre in casa contro il Teramo, primo del girone. In questa occasione potranno debuttare i nuovi acquisti che non sono ancora scesi in campo.

Andrea Sacchini 03/09/2007