World League Pallanuoto. La Serbia vince ancora

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2257

Ancora una vittoria per la corazzata Serba. Straripante la superiorità degli ex-jugoslavi per un risultato mai davvero in discussione: pochissime volte gli uomini allenati da Stamm sono riusciti ad andare al tiro.
La squadra tedesca cerca di limitare i danni contro Sapic e compagni ma la porta di Sefik è inviolata fino alla metà della seconda frazione, a segno Politze.
Lo stesso periodo di tempo basta agli avversari per trovare quattro gol con Sapic, Nikic, Udovicic e Gocic. E' ancora Nikic a chiudere il conto del secondo parziale sull'1 a 5. Il resto della partita è poco più di un allenamento, con i tedeschi che a volte non riescono nemmeno a superare la metà campo. Sapic sale in cattedra realizzando prima un penalty, poi infilando un bolide dalla distanza, non prima di aver abbattuto la traversa con tiro dalla tre quarti. C' è ancora gioia per Nikic, ispiratissimo sotto porta. Il terzo parziale si commenta da solo: 1-10. Una distanza incolmabile contro gli uomini di Udovicic. I tedeschi cercano nel quarto tempo di rendere il passivo meno pesante: è ancora Politze, mai domo, ad andare a segno per ben tre volte. Trova anche il tempo di spaventare Sefik con un bolide fermato solo dal palo e di farsi parare un rigore. Ma per la sua squadra è già troppo tardi. Nell'ultimo minuto Sapic va ancora in gol, poi si fa espellere per proteste nell'azione che porta al penalty realizzato dal tedesco Oeler. Il tiro di Prlainovic chiude la partita sul 5-13
La Germania non ha avuto scampo di fronte al gioco espresso dai Serbi: Sapic ha preso per mano i compagni, sia gestendo il pallone in tutte le azioni più importanti sia andando a segno personalmente. Buona anche la partita di Nikic, autore di tre gol.

GERMANIA 5 - SERBIA 13
PARZIALI: I tempo: 0 -2; II tempo 1-3; III tempo 0-5; IV tempo 4-3
GERMANIA:Tchigir, Naroska, Schroedter, Savic, Dierolf, Politze (4), Nossek, Schertwitis, Schlotterbeck, Oeler (1), Bukovski, Mackeben, Roeßing. Allenatore.Stamm
SERBIA: Sefik, Prlainovic (1), Gocic (1), Udovicic (1), Savic, Pijetlovic (1), Nikic (3), Avramovic, Ciric, Sapic(4), Korolija, Mitrovic(2). Soro. All. Udovicic
Arbitri: Dejan Adzic (MNE) Nikolaos Argyros (GRE)
NOTE: Serata afosa alle Naiadi di Pescara, 300 spettatori circa. Infortunio Nossek (G) 6.34 terzo tempo
SUPERIORITA': 2-9 per la Germania, 5-10 per la Serbia
RIGORI: 2 per la Germania di cui uno sbagliato da Politze; 1 per la Serbia messo a segno da Sapic.
ESPULSIONI DEFINITIVE: Naroska (G), Gocic(S), Pijetlovic (S), Politze (G), Sapic (S), espulso per proteste


MONTENEGRO - GRECIA
Nessuna sorpresa nella prima partita della giornata, che vede il Montenegro prevalere nettamente sulla più modesta compagine della Grecia. I balcanici partono con i favori del pronostico, ma faticano un poco nelle fasi iniziali contro i Greci, disposti in campo in modo molto accorto da Campagna. L'estremo difensore Deligiannis è in serata di grazia e compie due interventi prodigiosi su Nikola Janovic. Solo Gojkovic riesce a rompere l'equilibrio prima che finisca il quarter. Il Montenegro, comunque, si difende molto bene impedendo agli ellenici di essere pericolosi dalle parti di Radic.
Nella seconda frazione , invece, la partita diventa senza storia. Prima un penalty e poi due tiri dalla distanza consentono al Montenegro di allungare senza che i giocatori di Campagna riescano a replicare. La squadra allenata da Prorobic, prima della fine del secondo tempo, trova anche il quinto gol con Mladen Janovic che chiude una bella azione corale.
Il terzo tempo comincia con uno scatto d'orgoglio di Fountolis che trova un gran gol dalla distanza nell'angolino basso alla destra di Radic. Non concede nulla però il Montenegro che gestisce senza grossi problemi il suo vantaggio, chiudendo la partita sull'11 -3. In gran serata Mladen Janovic autore di cinque reti e autentico mattatore della partita.
Questo successo consente al Montenegro di tenere viva la speranza aritmetica di andare a Berlino, in attesa di un passo falso dei Serbi con la Germania, salendo a 12 punti e scavalcando gli azzurri. Gli uomini di Malara per puntare ancora al secondo posto dovranno, oltre a vincere le prossime due sfide con Germania e Grecia, fare il tifo per i Serbi che affronteranno il Montenegro oggi alle 20.00.
MONTENEGRO 11 – GRECIA 3
PARZIALI 1-0; 4-0; 2-2; 4-1
GRECIA : Deligiannis, Miralis, Voulgarakis (1), Kokkinakis, Afroudakis, Fountoulis (1), Kocheilas, Ntoskas (1), Papadogonas, Miteloudis, Mourikis, Mylonakis, Reppas. All. Campagna
MONTENEGRO:Radic, Brguljan, Paskovic, Danilovic, Janovic (2), Titic, Janovic (5), Uskokovic, Ivovic (1), Trajkovic, Gojkovic (3), Jokic, Scepanovic. All. Prorobic
ARBITRI: Ciric Serbia
Reinink Germania
Note: 200 spettatori in una serata afosa a Pescara. Espulsioni definitive: nessuna. Superiorità: 0-5 Grecia; 3-4 Montenegro. Rigori: al 28 sec del secondo tempo Janovic (M) in rete; a 2”08' del terzo tempo Ntoskas (G) in rete

21/07/2007 8.27