Celano-Pro Vasto 2-2 al 95esimo. Marsicani salvi, vastesi in D

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

895

CELANO. Al termine di novanta minuti densi di emozioni fortissime, il Celano ottiene la salvezza nello scontro play-out fratricida contro la Pro Vasto terminato 2-2. L'andata si era chiusa con il risultato di 1-1 ed in virtù del miglior piazzamento in classifica in campionato, i marsicani restano in serie C2. Gara che vive il momento più intenso ad una manciata di minuti dal triplice fischio finale.
Prima i vastesi all'89esimo trovano il momentaneo 2-1 che avrebbe regalato loro la salvezza, poi sono i biancazzurri ad esultare trovando in mischia all'ultimo minuto di gioco il definitivo 2-2 che condanna alla serie D gli aragonesi.
Alla luce delle prestazioni e della classifica nel campionato regolare il verdetto è giusto. La Pro Vasto, non a caso, sin dalla prima giornata ha oscillato tra l'ultima e la penultima posizione. Il Celano, al contrario, ha chiuso quintultimo ed è sempre stato in piena lotta per evitare lo spareggio finale.
Quanto hanno fatto i ragazzi di Trillini in queste ultime due gare play-out, però, è stato davvero notevole. Unitamente agli ultimi due match disputati, la Pro Vasto avrebbe meritato sicuramente miglior sorte ma l'intera stagione non è fatta solamente dallo scontro play-out finale.
A pesare sono stati soprattutto i tanti errori commessi in fase di calciomercato estivo. A conti fatti non ha pagato la politica iniziale della società, che dopo l'ottimo piazzamento ottenuto nello scorso torneo ha venduto i migliori giocatori (il portiere Marconato e la punta Morante su tutti, ndr) senza rimpiazzarli adeguatamente, formando un gruppo probabilmente troppo giovane per una categoria impegnativa come lo è la C2.
A fine match grande la soddisfazione per la punta biancazzurra Luiso: «sono contentissimo. Questa è una salvezza meritata e fortissimamente voluta da tutti. Dispiace per la Pro Vasto che ha giocato benissimo ma il calcio è questo. Purtroppo una delle due doveva retrocedere. Sembrava finita a cinque minuti dalla fine ed abbiamo avuto il merito di non mollare. In venti anni di carriera è la prima volta che gioco una partita del genere».
Naturalmente deluso il tecnico vastese Trillini: «in queste ultime due partite stavamo fisicamente meglio del Celano e sapevamo che avevamo della chance salvezza. Un finale così nessuno se lo sarebbe aspettato. Accettiamo il risultato del campo. Per quello visto durante il campionato meritavano loro, per quanto fatto nei play-out dovevamo salvarci noi».

CELANO-PRO VASTO, LE RETI

Il momentaneo uno a zero è scaturito dall'autorete di Milana nel disperato tentativo di liberare l'aerea, dopo che Soddimo aveva respinto prima il rigore di Amenta e poi la prima ribattuta di Luiso. 1-1 siglato da Ciano ben servito in velocità da Gaeta. Gravi gli errori in copertura di Del Grosso e Cesaro. Pro Vasto all'89esimo in vantaggio grazie a Mignogna che sugli sviluppi di una punizione dal limite dell'aerea di destro batte imparabilmente Bartoletti. La rete che vale la C2 per il Celano la realizza Morgante che all'ultimo dei cinque minuti di recupero trova in mischia la deviazione vincente, dopo l'ennesimo corner battuto dalla destra.
Vastesi seguiti al Comunale da circa 300 sostenitori.

Andrea Sacchini 04/06/2007 9.08