Troupe inglese gira un film a Palombaro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6016

PALOMBARO. Lost in Italy è il titolo del film che si sta girando in questi giorni a Palombaro.

Una troupe cinematografica inglese ha ricreato, grazie ai tesori architettonici e naturalistici del paese, l’atmosfera degli anni Cinquanta, in una sceneggiatura intrisa di suspance, sentimento e colpi di scena.

Protagonisti del lungometraggio: Ray Winstone (Terry), celebre per le sue interpretazioni in famose pellicole quali Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo, Ritorno a Cold Mountain, King Arthur, Le cronache di Narnia: il leone, la strega, e l’amardio, La leggenda di Beowulf, e Glen Murphy MBE (Tony), vale a dire George Green nella famosa opera televisiva London’s Burning. Murphy è stato insignito dalla regina Elisabetta del titolo di Member of the Order of the British Empire (MBE), riconoscimento con cui l'Ordine premia coloro che hanno dato prestigio al Regno Unito e al Commonwealth in ambito artistico, culturale, sportivo, economico, scientifico ed educativo. Nel cast anche noti attori italiani tra cui Serena Iansiti (Margherita), Lavinia Grimani nella soap opera di Canale 5 Cento Vetrine, Giovanni Capalbo (Francesco), Cassio nella Passione di Cristo di Mel Gibson e Roberta Lena (Anna), attrice e regista, nota al grande pubblico per le sue interpretazioni cinematografiche ad esempio in Nuovo Cinema Paradiso, Agata e la tempesta, Caterina va in città, e in quelle televisive nelle serie: Ris, Maria Montessori, Gente di Mare. A dirigere le riprese del film scritto da Glen Murphy MBE, il regista britannico Craig Viveiros, stella emergente del cinema internazionale. Produttore della pellicola è lo stesso Murphy e il co-produttore è Stephen Darts, il primo assistente alla regia è Sam Powell e il direttore della fotografia è James Friend.

Come è nata l’idea di girare Lost in Italy proprio a Palombaro lo racconta il primo cittadino Consuelo Di Martino: «Glen Murphy ha sempre amato l’Italia ed è rimasto particolarmente affascinato dall’Abruzzo, dove viene abitualmente in vacanza da cinque anni. Visitando i vari luoghi della nostra Regione, tutti di pregevole interesse culturale, storico e ambientale, Glen è arrivato a Palombaro dove ha conosciuto i proprietari della locale agenzia immobiliare Vignaverde. Da noi si è trovato così bene da voler acquistare un’abitazione. Quando ci siamo incontrati per la prima volta, con l’amministrazione civica – continua la Di Martino – ha reso noto il progetto di voler girare parte del suo ultimo film in Italia. Con un po’ d’audacia abbiamo proposto di realizzarlo proprio a Palombaro, visto che lui aveva già mostrato interesse per il nostro centro storico. E’ stato così che verso la metà di ottobre Glen ha mandato in “missione” una equipe di tecnici per fare delle riprese e, una volta visionato il materiale in Inghilterra, ha immediatamente deciso che il gruppo sarebbe venuto nel nostro paese. Iniziate le riprese sono stati così soddisfatti del lavoro e dell’ambientazione da decidere di trattenersi una settimana in più da noi e conseguentemente di allungare nel film la trama da dedicare all’Italia. Questo evento – conclude il sindaco – è importantissimo per Palombaro poiché è un’ottima vetrina per far conoscere le attrattive del nostro territorio ed incentivare il turismo. Insistere affinché le riprese fossero eseguite proprio qui è stato un modo per valorizzare le nostre risorse». Il clima che si respira in questi giorni a Palombaro è di festa, sia per la novità sia perché la troupe ha chiesto la collaborazione di tutti gli abitanti che intervengono come comparse e hanno prestato molti oggetti anni Cinquanta, a partire dal macinino del caffè, fino ad aprire cantine e locali privati che hanno ancora porte, quadri e mobili del tempo. Non da ultimo le macchine d’epoca, una Lancia Appia ed una Fiat Topolino, appartenenti a cittadini collezionisti. Dal canto suo la troupe sta ampiamente apprezzando la disponibilità, l’ospitalità e la buona cucina. Sulla trama del film vige molto riserbo. Tony è in un Bar di Londra dove viene accoltellato. Quando si risveglia (nel bosco vicino al fiume Avello) si ritrova nell’Italia degli anni Cinquanta e non sa spiegarsi cosa accade. Qui incontrerà Margherita, il suo fidanzato Terry, sua madre Anna e suo padre Francesco. Chi sono? Cosa accadrà? Si aspettano rivelazioni. Un’indiscrezione è che la prima italiana, con i sottotitoli, si svolgerà proprio a Palombaro.

 

14/11/2011 16.45