Un arrangiatore teramano per il nuovo disco di Sarah Jane Morris

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4308

TERAMO. Da martedì 25 ottobre sarà disponibile nei negozi tradizionali, su iTunes e negli altri digital store, “Cello Songs” (Cinik Records), il nuovo disco della cantante inglese Sarah Jane Morris. Dieci brani per voce e orchestra arrangiati e diretti da Enrico Melozzi ed eseguiti dalla Cinik Cello Orchestra, un ensemble interamente formato da violoncelli ed appositamente studiato attorno al timbro di voce della cantante inglese.

In “Cello songs” Sarah Jane Morris interpreta sia composizioni originali sia canzoni scritte da Tracy Chapman, Tom Waits, Ennio Morricone, Pino Daniele, Damien Rice e Claude Debussy avvalendosi della straordinaria partecipazione di Dominic Miller (già chitarrista di Sting), Danilo Rea (piano), Ian Shaw (cantante jazz londinese) e Fabrizio Bosso (tromba).

Il disco è prodotto, arrangiato e diretto da Enrico Melozzi per Cinik Records, mentre la produzione esecutiva è di Valentina D’Ignazio. L’intero album è stato registrato presso gli studi Cinik di Roma, mixato da Enrico Melozzi, Vincenzo Schiavo e Sarah Jane Morris e masterizzato da Fabrizio De Carolis al Reference Studio di Roma.

Melozzi, teramano di 34 anni inizia a comporre fin da giovanissimo. Si diploma in violoncello con il massimo dei voti e contemporaneamente si dedica allo studio della composizione e del contrappunto. Fin da piccolissimo rimane folgorato dalla musica di Mozart. La sua influenza è così forte che diventa una vera e propria ossessione. Ma la sua passione principale è l'atletica, e la musica rimane in secondo piano. Fino a quando un tragico evento gli cambia profondamente la vita: un incidente stradale gravissimo (viene investito da una moto mentre era in bici all'età di 11 anni), lo costringe in ospedale e su una sedia a rotelle per due lunghissimi anni. L'atletica oramai è un sogno svanito, e la musica diventa così l'unico modo per correre veloce con il pensiero. Si dedica quindi alla composizione grazie all'aiuto di un computer, e impara da autodidatta le regole fondamentali ricopiando la musica di Bach. Inizia a comporre quindi opere sinfoniche, da camera e di musica sacra. Viene notato da un'insegnante di pianoforte, al quale il piccolo Enrico porta quotidianamente le sue opere per fargliele correggere, e viene convinto a iniziare gli studi di violoncello al conservatorio. Non ancora diplomato, all'età di 20 anni, diventa assistente del grande compositore tedesco Michael Riessler (collaboratore di John Cage, Steve Reich e Karleinz Stockhausen, noto nel cinema per il capolavoro Heimat). Contemporaneamente continua gli studi di composizione sotto l'influenza di Franco Piersanti e Ennio Morricone, sviluppando così la sua tecnica per le composizioni cinematografiche.

Liberato finalmente dagli studi accademici (per via del suo carattere irrequieto il conservatorio non è mai stato il suo luogo ideale, nonostante il diploma col massimo dei voti) si trasferisce a Roma dove due anni dopo debutta come compositore e direttore d'orchestra all'Auditorium Parco della Musica, eseguendo la sua opera multimediale Oliver Twist. Insieme al Dj Stefano De Angelis si dedica contemporaneamente alla musica elettronica, appassionandosi alle sonorità techno e underground. L'incontro con Federico Savina, lo storico fonico di Mina, Nino Rota, Ennio Morricone, Riz Ortolani e tanti altri maestri del cinema, è fondamentale per la sua consapevolezza della materia cinematografica. Sempre più spesso affianca alle sue opere sinfoniche (Ride-Side; Sinfonia Concertante in C minor), opere per il grande schermo, alternando il contrappunto antico all'elettronica e alla musica minimalista. Questo ampio bagaglio di conoscenze ne fanno un musicista profondamente versatile, capace di esprimersi in qualsiasi genere musicale.

Polistrumentista eclettico, Melozzi sente l'esigenza di prolungare le sue doti artistiche diventando produttore di altri artisti. Fonda così nel 2007 l'etichetta discografica Cinik Records, della quale è direttore artistico dalla fondazione. Il suo animo rivoluzionario e combattente lo portano a fondare il movimento Nuove Armonie, che si occupa di promuovere la Legalità e la Meritocrazia nel campo artistico nazionale.

Ma è il cinema il campo che gli offre maggiori riconoscimenti. Autore di 6 lungometraggi e di una quarantina di cortometraggi, in pochissimi anni riceve premi prestigiosi: Il "Nastro D'Argento" con "Il Gioco" diretto da Adriano Giannini. Il premio Rivelazione per la miglior Colonna Sonora al Roma Video Clip, con "La Casa Sulle Nuvole" di Claudio Giovannesi. L'Ovidio D'Argento per "L'Uomo FIammiero" di Marco Chiarini. La Miglior Colonna Sonora al BAFF con "Le Cose In Te Nascoste" di Vito Vinci, premio consegnato direttamente da Louis Bacalov, e tanti altri riconoscimenti.

Attualmente è impegnato nella preparazione della partitura per una grande produzione australiana: "Pinocchio - The Ballet", il primo balletto sinfonico dedicato al personaggio di Collodi, commissionato dal West Australian Ballet & West Australian Simphony Orchestra, con le coreografie di Ivan Cavallari. La prima sarà nel settembre 2012 a Perth.

21/10/2011 8.36