Avezzano, a Natale arriva Vinicio Capossela

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5806

AVEZZANO. Anche quest’anno il 20 dicembre, alle ore 20.45 nella cattedrale dei Marsi di Avezzano, si terrà il dodicesimo concerto di Natale -premio alla carriera “Anna Luce”.  

L’evento, organizzato da l'associazione culturale Harmonia Novissima, in collaborazione con gli assessorati alla cultura di Regione Abruzzo, Provincia de L'Aquila e Comune di Avezzano, con il patrocinio del Ministero Beni e Attività Culturali, quest’anno presenterà Vinicio Capossela, una delle voci più sofisticate del panorama musicale italiano.  Il Concerto di Natale di Avezzano, aldilà del senso celebrativo che dischiude, è un’occasione per premiare quei talenti artistici che si sono distinti per la loro ricerca culturale particolarmente sofisticata, e soprattutto densa di significati poetici ed a volte sociali.  Tra i personaggi che si sono fregiati del riconoscimento, nel corso delle passate edizioni, ci sono Katia Ricciarelli, Amii Stewart, Dee Dee Bridgewater, Cecilia Gasdia, Antonella Ruggiero, Inés Salazar, Angelo Branduardi, Teresa De Sio, Roberto Vecchioni, Lucio Dalla, Noa.  Proprio in linea con lo spirito del concerto, il direttore artistico di Harmonia Novissima, Massimo Coccia ed ideatore dell’evento, quest'anno ha invitato a partecipare Capossela, voce sui generis ed artista “non facile” che unisce, nei suoi motivi, musica e filosofia.  Vincitore di disco d'oro 2011, con 60.000 copie vendute del suo penultimo album "Canzoni a manovella" e già oltre 30.000 del recentissimo "Marinai, Profeti e Balene",  Vinicio è conosciuto anche oltre i confini europei.

 Nel suo concerto in cattedrale, Capossela presenterà un repertorio dal tema: “la ricerca della conoscenza” aggiungendo alle sue melodie le parole di grandi poeti e scrittori come Omero, Dante, Melville, Conrad.  Il cantautore attraverso il personaggio di Ulisse, simbolo della ricerca spasmodica di interiorità, spiritualità e del dialogo con l’Infinito, investigherà un po’ tutto il genere umano visto che, come lui stesso  ha recentemente affermato, «le sue ultime composizioni cercano una risposta all'ansia del mistero, quindi una risposta al mistero dell'uomo».

 m.b.  07/10/2011 9.16