Archeos sarà in Abruzzo ad agosto 2012

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5977

Archeos sarà in Abruzzo ad agosto 2012

L'AQUILA. Gli spettacoli del progetto Archeo.S arriveranno in Abruzzo dal 30 luglio al 12 agosto 2012. È quanto ha deciso il comitato esecutivo di tutti i partner del progetto europeo riunito all'Aquila sotto il coordinamento dell'assessore alle Politiche culturali, Luigi De Fanis. L'apertura abruzzese della stagione "Archoes.S" partirà da Lanciano il 30 luglio e rimarrà nella città frentana fino al 4 agosto. Come già individuato in precedenza, gli spettacoli del progetto Archeo.S verranno ospitati presso le Torri montanare e il Polo museale di Santo Spirito.

Dal 6 agosto, invece, la carovana culturale di Archeo.S si sposterà all'Aquila con l'allestimento degli spettacoli presso la Fontana delle 99 Cannelle, il chiostro di San Domenico e, decisione assunta nella riunione di oggi, a Piazza Santa Giusta, nel cuore del centro storico della città. Inoltre, il comitato esecutivo ha deciso di concedere altre due date all'Abruzzo con gli spettacoli di Santo Stefano di Sessanio dell'11 e 12 agosto, a chiusura dell'esperienza abruzzese. «Il progetto Archeo.S si presenta come una grande opportunità per l'Abruzzo - ha detto l'assessore Luigi de Fanis - non solo per le associazioni culturali che aderiscono al progetto europeo (l'Ente manifestazioni pescaresi, l'Uovo, Società della Musica e il teatro Riccitelli) che in questo modo potranno mettere sul campo tutte le loro capacità creative e artistiche, ma anche per la promozione internazionale dei luoghi dove si svolgono queste iniziative».

E in questo senso la scelta di Piazza Santa Giusta rappresenta la vera novità del progetto, in quanto per la prima volta la cultura inizia a riappropriarsi del centro storico aquilano dopo il terremoto. Sul valore e l'importanza dell'iniziativa europea, De Fanis ha sottolineato che «l'Europa rappresenta l'unica valvola di sfogo per attingere a finanziamenti per le associazioni culturali, che sono tantissime nella nostra regione. La burocrazia per arrivare a questi finanziamenti è vasta, dettagliata e pesante, però sono finanziamenti certi che danno la possibilità di un consolidamento del settore. La Regione - ha concluso De Fanis - si sta muovendo in tal senso mettendo a disposizione delle associazioni tutti i supporti necessari per accedere queste forme di finanziamento europeo».

28/09/2011 13.03