Pineto, festival internazionale fisarmonica. Un macedone si aggiudica il podio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4368

PINETO. Viene dalla Macedonia  il vincitore del campionato mondiale di fisarmonica che si è tenuto a Pineto dal 13 al 18 settembre grazie all’amministrazione comunale e  alla Cma (Confederation Mondial de l’Accordeon). Si tratta di Aleksandar Kolowski, ed è il talento musicale che si è aggiudicato il trofeo nazionale, spiazzando gli altri concorrenti. Una kermesse quella di Pineto che ha visto affluire  nella cittadina adriatica ben 40 delegazioni provenienti da tutto il mondo, pronte a contendersi il premio internazionale.

Ben oltre 70 gli iscritti al concorso si sono misurati e confrontati  in sette categorie: musica classica (junior e senior), virtuoso (junior e senior), diatonica (junior e senior) e trofeo nazionale.    Primo classificato nel girone musica classica senior è stato il cinese Xu Xiaonan Musica,  mentre la classica junior ha visto svettare in classifica il russo Nikolay Bolotin. Per il settore virtuoso Senior e junior hanno vinto rispettivamente Dorin Grama dalla Moldavia e l’italiano Lorenzo Bosica.

Infine la sfida sulla diatonica senior è stata vinta dal portoghese Yohann Lopes e l’italiano Alessandro Guglielmi per la diatonica junior. A premiare i musicisti in gara, alla presenza di Frederic Dechamps, presidente nazionale della Cma, Jacques Mornet, segretario generale e Raymond Bodellè, vice presidente, sono stati il senatore Paolo Tancredi, l’onorevole Tommaso Ginoble, l’assessore alla cultura della Provincia di Teramo Antonio Di Michele, il consigliere regionale Emiliano Di Matteo, il sindaco di Pineto Luciano Monticelli e l’assessore comunale alle manifestazioni, Filippo D’Agostino. E’ stato proprio quest’ultimo ad esprimere maggiore entusiasmo per la manifestazione.

 «Siamo davvero soddisfatti», ha dichiarato, « del successo riscosso dal campionato di fisarmonica, andato ben oltre ogni aspettativa. Le delegazioni si sono innamorate di Pineto e sono sicuro che molti di loro torneranno in veste di turista, trasformando il campionato in un investimento per il futuro economico di questa città».

 m.b.  19/09/2011 17.31